Bagarre a L’Aria che Tira (La7) tra la deputata Pd Alessia Morani e l’europarlamentare M5s Dino Giarrusso sulla mozione di sfiducia No Tav annunciata dai 5 Stelle.
La parlamentare dem smonta la validità della mozione e aggiunge, commentando un servizio della trasmissione: “Gli abitanti della Val di Susa ci hanno dato ragione, perché ora dicono quello che noi del Pd diciamo da anni: e cioè che il M5s prende in giro gli elettori, non mantiene mai i suoi impegni. La Tav si farà. E meno male che si farà. Il progetto che questo governo realizzerà è quello fatto dal governo Renzi, perché Renzi, a differenza delle chiacchiere di Di Maio e di Giarrusso, non essendo d’accordo sul vecchio progetto, che era troppo impattante, lo ha modificato”.
E aggiunge: “Il M5s, se è contrario alla Tav, ha tutti gli strumenti per staccare la spina a questo governo. Ma il problema è che i 5 Stelle sono incollati alle poltrone”.

C’è un limite alle balle che si possono dire in tv?”, insorge Giarrusso.
“Qual è la balla? Dimmela”, ribatte Morani.
“Innanzitutto, vorrei sapere cosa pensano del Pd gli abitanti della val di Susa”, commenta l’ex Iena.
“Questo non c’entra niente – replica la parlamentare dem – Stiamo parlando del tuo governo”.
“Io penso che il Tav sia specchio della più grande opera di disinformazione che sia mai stata fatta in questo Paese”, continua Giarrusso.
Morani lo interrompe a più riprese: “E allora non fatela. La devi bloccare”.

Gli animi si scaldano e Giarrusso rilancia: “Non si può dire che è arrivato Renzi ‘il buono’ e il Tav è diventato un’opera ecologica”.
Morani controbbatte, ripetendo: “Bloccala. Stai dicendo bugie. Invece di abbaiare alla luna, bloccate la Tav, ma non lo farete”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Revelli: “Conte? Giochetto di bassa lega a favore di Salvini. Pietra tombale sul M5s”

prev
Articolo Successivo

Salvini, Montanari: “Raccoglie quanto fatto dalla sinistra negli ultimi anni, da Veltroni a Minniti”

next