Inutile negarlo. L’ex calciatore Dani Osvaldo e Veera Kinnunen sono stati i protagonisti più amati e invidiati dell’ultima edizione di “Ballando con le stelle”. Il loro presunto flirt, nato tra un paso doble e un tango, aveva tenuto banco per diverse puntate, anche perché la ballerina era fidanzata con Stefano Oradei. Poi la situazione è degenerata, durante la diretta, e Milly Carlucci è dovuta intervenire per arginare la gelosia di Oradei, etichettandola come “immotivata” e in qualche modo anche dannosa per la produzione. Poi sui social, a riflettori spenti, Dani Osvaldo e Veera Kinnunen sono venuti allo scoperto e hanno ufficializzato la storia d’amore.

“Io non mi occupo della vita privata dei nostri ballerini. – ha commentato Milly Carlucci, interpellata da TvBlog – Io mi occupo di stigmatizzare che un qualunque tipo di dissidio non si risolva mai venendo alle mani, soprattutto se queste cose riguardano una donna. Qualunque sia il comportamento di una donna in una coppia il modo per risolvere non è mai a ceffoni. E poi stigmatizzavo un comportamento che metteva in difficoltà la produzione. Non ero riuscita a portare la pace nella nostra famiglia di Ballando, allora ho dovuto ricorrere all’esternazione pubblica. Come con i figli, talvolta servono shock importanti. Al figlio si fa l’urlaccio, in questo caso l’ho detto in televisione. E questo è servito per resettare la situazione e per far capire che stavamo facendo un programma televisivo, non altro”.

Caso chiuso, però è innegabile che la sintonia tra i due protagonisti ha suscitato curiosità e interesse dal pubblico televisivo ed ha premiato “Ballando con le stelle”, in termini di ascolti e gradimento. La passione d’amore è uno degli ingredienti del successo della trasmissione, giunta alla quindicesima edizione e confermata ai palinsesti Rai per la nuova stagione tv.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Schiave, la tratta della prostituzione vista con gli occhi delle vittime. Il racconto del reale su Sky Atlantic

prev
Articolo Successivo

Lorena Bianchetti si racconta a FQMagazine: “Mi chiamano Suor Lorena? Sorrido. Il pregiudizio esiste. Diventare madre a 45 anni ha fermato il tempo”

next