Inutile negarlo. L’ex calciatore Dani Osvaldo e Veera Kinnunen sono stati i protagonisti più amati e invidiati dell’ultima edizione di “Ballando con le stelle”. Il loro presunto flirt, nato tra un paso doble e un tango, aveva tenuto banco per diverse puntate, anche perché la ballerina era fidanzata con Stefano Oradei. Poi la situazione è degenerata, durante la diretta, e Milly Carlucci è dovuta intervenire per arginare la gelosia di Oradei, etichettandola come “immotivata” e in qualche modo anche dannosa per la produzione. Poi sui social, a riflettori spenti, Dani Osvaldo e Veera Kinnunen sono venuti allo scoperto e hanno ufficializzato la storia d’amore.

“Io non mi occupo della vita privata dei nostri ballerini. – ha commentato Milly Carlucci, interpellata da TvBlog – Io mi occupo di stigmatizzare che un qualunque tipo di dissidio non si risolva mai venendo alle mani, soprattutto se queste cose riguardano una donna. Qualunque sia il comportamento di una donna in una coppia il modo per risolvere non è mai a ceffoni. E poi stigmatizzavo un comportamento che metteva in difficoltà la produzione. Non ero riuscita a portare la pace nella nostra famiglia di Ballando, allora ho dovuto ricorrere all’esternazione pubblica. Come con i figli, talvolta servono shock importanti. Al figlio si fa l’urlaccio, in questo caso l’ho detto in televisione. E questo è servito per resettare la situazione e per far capire che stavamo facendo un programma televisivo, non altro”.

Caso chiuso, però è innegabile che la sintonia tra i due protagonisti ha suscitato curiosità e interesse dal pubblico televisivo ed ha premiato “Ballando con le stelle”, in termini di ascolti e gradimento. La passione d’amore è uno degli ingredienti del successo della trasmissione, giunta alla quindicesima edizione e confermata ai palinsesti Rai per la nuova stagione tv.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Schiave, la tratta della prostituzione vista con gli occhi delle vittime. Il racconto del reale su Sky Atlantic

next
Articolo Successivo

Lorena Bianchetti si racconta a FQMagazine: “Mi chiamano Suor Lorena? Sorrido. Il pregiudizio esiste. Diventare madre a 45 anni ha fermato il tempo”

next