E’ la notte tra il 25 e il 26 luglio quando alla centrale operativa dei carabinieri Sergio Brugiatelli denuncia il furto del proprio zaino appena subito dai due americani. In un primo audio segnala il tentativo di riscatto da parte dei due. In un secondo audio il militare si mette in contatto con il numero di cellulare che ha chiamato il 112 per avere chiarimenti sull’intervento e sulle modalità con le quali eventualmente procedere. Risponde il ragazzo che gli ha prestato il cellulare, poco lontano da piazza Gioacchino Belli dove Sergio sta aspettando la pattuglia.

“Sono scappati – risponde il denunciante al carabiniere al telefono che gli chiede se i due siano ancora lì – hanno preso la borsa mentre stavo bevendo alla fontanella. Mi hanno detto se avevo 80, 100 euro – spiega ancora – gli ho detto che glieli avrei dati se me l’avessero riportata ma poi li ho visti scappare in una traversa, gli sono corso dietro con la bicicletta però non li ho presi”. “Allora le mando una pattuglia – lo interrompe il carabiniere al telefono – volevo sapere se erano ancora lì, in quel caso cercavo di mandare qualcuno in abiti civili”. “No, no – assicura Sergio – così riprovo a chiamarli, vediamo se li rintracciamo”. “Intanto le mando la pattuglia li poi parla direttamente con i colleghi” chiosa il militare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emanuela Orlandi, i resti rinvenuti nel Cimitero teutonico non risalgono a dopo la fine del 1800

next
Articolo Successivo

Migranti, nave Guardia Costiera in porto ad Augusta: ma i 131 migranti a bordo non sbarcano. Toninelli: “Ue risponda”

next