“L’ok di Conte sbloccherà i bandi di gara, ma i cantieri non ripartiranno così presto. L’opera non la vedremo mai”. Le parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con cui martedì sera ha sancito il via libera alla Torino-Lione, non sembrano preoccupare più di tanto gli attivisti No Tav. La comunità della Val Susa che da oltre 20 anni si batte contro la realizzazione della linea ferroviaria super veloce si è radunata in questi giorni a Venaus, per il Festival Alta Felicità. E sabato andrà in corteo fino al cantiere di Chiomonte per ribadire la contrarietà all’opera.

“Sicuramente quello del governo è un passo avanti ma sono 30 anni che ci raccontano che partiranno” dice Alberto Perino, leader storico del movimento No Tav. “Noi c’eravamo e ci siamo ancora, ci troveranno sempre tra i piedi”. Nessuno vede nel discorso del premier un’accelerazione dei lavori per il tunnel. Più che altro una mossa politica che poco ha a che vedere con la realizzazione effettiva. Per quella ci sono ostacoli tecnici da superare, con il rischio di continui rimandi. Come spiega in maniera dettagliata Guido Fissore, storico volto dei No Tav. “Prima di aprire il cantiere devono fare lo svincolo autostradale, è una cosa complessa e lunga. Devono anche avere la fabbrica dei conci di Salbertrand pronta, ma quella è zona da bonificare perché c’è l’amianto. Senza contare l’opposizione popolare che incontreranno”. Insomma per molti, nonostante le dichiarazioni in Parlamento, l’opera non vedrà mai la luce. O almeno non nei prossimi dieci anni. “La Salerno-Reggio Calabria del nord” la definisce Perino, una sorta di “cantiere infinito”. Anche perché tutti si dicono pronti alla mobilitazione continua. “Il fatto che dopo 30 anni siamo ancora qui dimostra che non faremo costruire il tunnel. Si è aperta una fase nuova, ma siamo pronti. E continueremo a fare quello che abbiamo sempre fatto, prendendo tutte le scelte opportune”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ultima notte di Linate, bus e attrezzature traslocano a Malpensa per tre mesi

next
Articolo Successivo

Ragusa, tre arresti per maltrattamenti ad anziani in casa di riposo: “Mi fai schifo, puzzi come una bestia, ti ammazzo”

next