Fa talmente caldo che “sudare sette camicie” in questi giorni è ben più di un modo di dire. Se sotto la camicia indossassimo il Reon Pocket di Sony, non staremmo boccheggiando. L’azienda giapponese, infatti, sta progettando una soluzione innovativa: un climatizzatore indossabile. È grande quanto un portafogli, pesa 85 grammi, ha un’autonomia di 24 ore e una connessione Bluetooth che è indispensabile per regolare la temperatura ottimale tramite l’apposita app per Android o iOS.

L’unico sacrificio da fare è indossare sotto ai vestiti una maglietta fatta apposta, che ha l’alloggiamento per posizionare il dispositivo dietro al collo, tra le spalle. Certo terrà un po’ caldo, ma basterà azionare il Reon Pocket per non pensarci più. Per portare avanti il progetto Sony ha avviato una campagna di raccolta fondi online che promette bene: a 23 giorni dalla deadline, il progetto ha già raggiunto il 48% della cifra necessaria alla sua realizzazione.

 

Se tutto va bene, Reon Pocket dovrebbe arrivare in commercio a partire da marzo del 2020 con prezzi compresi fra 116 a 176 euro. Probabilmente all’inizio la commercializzazione riguarderà solo il Giappone. Sony assicura di avere già condotto centinaia di test e di essere riuscita ad abbassare la temperatura corporea fino a un massimo di 13° C in estate. Il dispositivo funziona anche in inverno: nei giorni della Merla aiuta ad alzare la temperatura corporea di 8° C.

Chi è incuriosito dall’idea può tenere d’occhio il progetto (con l’aiuto del traduttore di Google), i veri appassionati di gadget tecnologici possono anche avanzare un’offerta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

HiSense H55O8B OLED, il TV da 55 pollici e risoluzione 4K a un prezzo competitivo

prev
Articolo Successivo

I componenti dei droni si stampano in 3D grazie alla tecnologia italiana

next