Chi è alla ricerca di auricolari pratici da usare e con un’autonomia elevata può dare un’occhiata ai nuovi Huawei FreeLace. Comunicano con lo smartphone via Bluetooth, e sono collegati fra loro da un filo che passa dietro alla nuca: quando non sono in uso si possono tenere appesi al collo come una collana, lasciando che il magnete integrato tenga uniti i due auricolari.

In Italia sono in vendita nelle colorazioni nero e verde, al prezzo consigliato di 99 euro. Non è una cifra a buon mercato, ma è giustificata dall’autonomia di 18 ore di riproduzione audio, di 13 ore in chiamata e di 12 giorni di standby, con una sola ricarica. Sono numeri interessanti ottenuti mediante la batteria integrata da 120 milliAmpere per ora e il chipset Bluetooth a 28 nanometri, che è più efficiente del 60% rispetto alle versioni a 40 nanometri.

Un secondo e non trascurabile aspetto di pregio è la presenza della tecnologia proprietaria HiPair, che rende la connessione tra smartphone e auricolari più rapida e intuitiva. Chi ha usato periferiche Bluetooth sa che l’accoppiamento con lo smartphone può essere problematico e in qualche caso far perdere la pazienza. In questo caso basta separare la porzione dei tasti del volume dalla cuffia destra per vedere un connettore USB Type-C che può essere collegato alla porta dello smartphone. In questo modo si depenna “il macchinoso processo di associazione delle periferiche Bluetooth con lo smartphone, che spesso non è intuitivo e richiede diversi tentativi prima di stabilire una connessione wireless”. Una volta sbrigato questo passaggio, non sarà necessario ripeterlo nuovamente. Lo stesso procedimento si può seguire per collegare i FreeLace a qualsiasi tablet o PC, anche per beneficiare della ricarica veloce.

Il resto dell’equipaggiamento è quello tipico degli auricolari di fascia medio alta: corpo in metallo rivestito in silicone liquido, altoparlanti dinamici con diametro di 9,2 millimetri, che combina un diaframma TPU ultra-sottile e un rivestimento in titanio. Rispondono all’appello i pulsanti per il controllo del volume e della riproduzione musicale, oltre all’immancabile certificazione IPX5 per la resistenza ad acqua e sudore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È un robot il fotografo professionale più conveniente per i prodotti da vendere online

next
Articolo Successivo

WhatsApp sbarca su milioni di feature phone, cioè i telefonini vecchio stile

next