Un robot da 20.000 dollari potrebbe essere il fotografo del futuro per l’eCommerce. L’idea è venuta a Square Inc, una piattaforma di elaborazione dei pagamenti online, che ha annunciato Square Photo Studio, un servizio per avere foto di prodotti con qualità professionale. I responsabili si sono resi conto che molte piccole imprese che producono prodotti non possono permettersi di pagare un fotografo professionista per ritrarre la merce da vedere online. La soluzione è uno studio fotografico robotizzato, che si fa pagare meno di 10 dollari per un set di tre foto da altrettante angolazioni.

Per servirsene basta spedire la merce da fotografare, poi scaricare le foto e caricarle sui canali di vendita online. Ovviamente le immagini hanno una perfetta messa a fuoco, angolazioni che valorizzano il prodotto e che permettono agli acquirenti di apprezzarne ogni aspetto. Fisicamente il robot è in un grande magazzino di Brooklyn, e lavora con un tradizionale set fotografico: un tavolo, uno sfondo bianco, molte luci. Il “fotografo” robotico è una reflex digitale prodotta da Nikon e agganciata a un braccio meccanico, che si muove per catturare l’oggetto da più angolazioni.

 

https://www.youtube.com/watch?v=tsdI2mc2sYw

I clienti non avranno foto creative: l’estro di un artista della fotografia è ancora inarrivabile per un robot. Quello che si ha è una classica foto di prodotto ben fatta a sfondo bianco. Una cosa apparentemente banale, ma che difficilmente riesce con il fai-da-te. Ad esempio, con i vestiti o gli accessori d’arredo riprodurre nella foto il colore corretto è fondamentale. Provate a scattare un po’ di foto a casa e vi renderete conto che è più difficile di quel che sembra. È per questo che spesso è necessario rivolgersi ai professionisti, con costi alti.

Il robot di Square risolve il problema, assicura tempi brevi di lavorazione (due settimane) e, pagando 30 dollari invece che 10, realizza anche modelli 3D con un’animazione da tutti i lati del prodotto. David Rusenko, direttore generale dell’eCommerce di Square, spiega che quando non si può toccare fisicamente un prodotto “la fotografia è un componente essenziale per la vendita online. Abbiamo creato Square Photo Studio perché non vogliamo che i clienti paghino di più un prodotto per il costo della fotografia che lo ritrae“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Multa da 13 milioni a Google perché mappava le strade con Street View ma spiava anche nelle reti Wi-Fi private

prev
Articolo Successivo

Gli auricolari Huawei FreeLace promettono 18 ore di autonomia e facile connessione allo smartphone

next