“Rocky, dimettiti”. Da cinque giorni sono migliaia le persone che a Porto Rico sono scese in piazza per chiedere le dimissioni del governatore Ricardo Rossello, accusato di corruzione e di omofobia dopo la diffusione di suoi commenti sessisti e omofobi. Tante le celebrità presenti nel corteo che ha invaso la capitale San Juan, tra cui anche l’icona pop Ricky Martin, il rapper Benito Martinez detto Bad Bunny e il cantante Rene Perez detto Residente. Lunedì la polizia aveva sparato gas lacrimogeni contro i dimostranti vicino alla sede del governo e cinque persone erano state arrestate. L’isola è territorio statunitense e gli abitanti sono cittadini degli Usa, ma non c’è la stessa rappresentanza congressuale degli Stati.

Rossello è sotto pressione dopo che agenti federali statunitensi hanno arrestato contractor e funzionari del governo, tra cui l’ex segretaria all’Educazione, per accuse di corruzione. Sabato il Centro per il giornalismo investigativo ha diffuso 899 pagine di chat di Telegram, in cui Rossello e altri 12 funzionari criticavano politici, giornalisti e altri. Condividevano meme, barzellette e insulti sessuali, secondo il Centro e gli estratti pubblicati dal quotidiano locale El Nuevo Dia. In un passaggio, il responsabile delle finanze Christian Sobrino fa dichiarazioni omofobe su Ricky Martin, che ha risposto in un video su Twitter: “Hanno preso in giro i nostri morti, le donne, la comunità Lgbt, le persone obese – ha detto – è troppo, questo non è possibile”. Altri motivi di rabbia popolare sono la gestione dell’emergenza legata all’uragano Maria nel 2017, quando quasi 3mila persone morirono, e la crisi economica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sea Watch, Rackete: “Ue si faccia carico dei profughi”. “Cosa penso di Salvini? Niente”

next
Articolo Successivo

Trapianti, i pazienti non hanno tempo. E dire che basterebbe applicare la legge

next