Finestre rotte, crepe e danni alle facciate. Se non è facile la vita attorno al maxi-cantiere per la demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi, sono tutto sommato limitati i danni causati dall’implosione controllata con la quale le 50mila tonnellate rimaste in piedi sono venute giù con la dinamite lo scorso 28 giugno. Sono quattro, a oggi, le richieste di risarcimento ufficiali arrivate alla struttura commissariale, che si riserva di analizzarle singolarmente, sebbene l’ATI demolitori tenda a escludere danni ‘da vibrazioni’. Più plausibili invece i danni da ‘proiezione’, cioè quelli causati dalle ‘schegge’ di cemento armato che a seguito dell’esplosione si sono schiantate sulle facciate dei palazzi dell’area di via del Campasso e via Spaventa.
Mentre i lavori procedono per liberare dai detriti il terreno dove sorgeranno le nuove pile del ponte, tra i palazzi abbattuti di via Porro si alzano le polveri che avvolgono le case ancora abitate a pochi passi dal cantiere: “I mezzi di lavoro entrano ed escono senza lavare le ruote, non sempre i detriti vengono bagnati e l’aria diventa irrespirabile” denunciano gli abitanti. Nessuno vuole ritardare i lavori e ci tengono a precisare che non sono richieste economiche, (i residenti ai confini della zona rossa hanno ottenuto indennizzi tra i 20 e i 4 mila euro in base alla distanza dai lavori): “Quello che si chiede è soltanto il rispetto delle norme di mitigazione dell’impatto dei lavori – spiega Fabrizio Maranini, presidente della Commissione municipale che segue i fatti legati al Ponte Morandi – non è possibile sentirsi ripetere che le ruote vengono bagnate e il cantiere anche quando in gran parte della giornata non è così”.
Da parte sua il responsabile dell’ATI dei demolitori, Vittorio Omini sottolinea che stanno facendo il massimo per ridurre il rilascio di polveri nell’aria: “Gli sforamenti segnalati dalle centraline sono imputabili a fenomeni indipendenti dal cantiere quali il traffico e il vento, possiamo capire i disagi ma garantiamo che stiamo lavorando cercando di ridurli al minimo”. Riguardo i mezzi che entrano e escono dalla zona dei lavori alzando polveri per le strade del Campasso e di Sampierdarena, la struttura commissariale garantisce che si è giunti a un accordo per lo ‘spazzamento’ più frequente delle strade limitrofe al cantiere. Intanto il Commissario e sindaco di Genova, Marco Bucci, fa sapere che “non è ancora stata presa” la decisione attesa da settimane sullo smaltimento delle macerie del ponte. “Abbiamo tre-quattro opzioni sulla destinazione finale – ha spiegato – tra oggi e domani vedremo quali decisioni dobbiamo prendere per risolvere il problema nel rispetto delle raccomandazioni ambientali”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blitz contro neonazisti, Salvini: ‘Segnalai io, era una minaccia di morte’. Ma fonti inchiesta smentiscono: ‘Nessun riscontro’

next
Articolo Successivo

Cannabis, la radicale Bernardini coltiva a casa: denunciata. “Sono delusa per il mancato arresto”

next