Daniele De Rossi in Argentina. Secondo indiscrezioni di stampa, mancano solo i dettagli per lo sbarco dell’ex capitano della Roma a Buenos Aires per vestire la maglia del Boca Juniors. In attesa di conferme ufficiali, l’unica certezza è che il centrocampista non smetterà d giocare. In tal senso Nicolas Burdisso, ex compagno di squadra in giallorosso e oggi direttore sportivo dei Xeneixes, sembra aver convinto De Rossi, atteso nel weekend a Buenos Aires per definire i dettagli dell’accordo. Nelle scorse settimane, l’ex ‘Capitan Futuro’ era stato accostato a Sampdoria e Fiorentina. Inoltre si era parlato per lui di un ruolo in Nazionale, nello staff di Roberto Mancini.

Anche il quotidiano argentino la Nacione ha parlato di “accordo vicino” e ha confermato la ripresa dei colloqui con il centrocampista italiano. Per il giornale di Buenos Aires nelle ultime ore sono stati fatti progressi. Dopo l’addio alla Roma, De Rossi si è preso una lunga pausa di riflessione valutando diverse offerte. Alla fine sembra essere prevalsa la volontà di lanciarsi in una avventura con un club glorioso come il Boca Jr, da sempre ammirato da De Rossi.  La notizia del possibile arrivo di De Rossi al Boca ha trovato ampio risalto sulla stampa argentina, dove in particolare è stato sottolineato che decisivo per il buon esito della trattativa è stato il pressing di Nicolas Burdisso. L’attuale ds del Boca è stato compagno di squadra di De Rossi alla Roma ed è rimasto in ottimi rapporti. Secondo Olè proprio venerdì è in programma il vertice decisivo per limare gli ultimi dettagli. Sempre secondo il quotidiano argentino, il ds xeneize proverà a convincere De Rossi a restare almeno un anno e mezzo in Argentina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

As Roma, AdnKronos: “Nei mesi scorsi offerto il ruolo di direttore generale a Luca Lotti”. Che dice: “No comment”

prev
Articolo Successivo

Roberto Baggio, 25 anni fa il rigore fallito in finale mondiale contro il Brasile. Storia di penalty decisivi, nel bene e nel male

next