Sgomberi a Roma? Fanno venire rabbia. Quando uno è povero, la colpa non è sua, perché la logica inaccettabile del ministro dell’Interno è che fa il duro coi deboli, ma intanto lui è quello che fa i condoni fiscali, è quello che non spiega dove hanno messo i 49 milioni di euro, è quello che dichiara che non va a spiegare in Parlamento il caso dei fondi russi alla Lega. Io trovo tutto questo inquietante”. Così, a In Onda, su La7, il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, si esprime sullo sgombero dell’ex scuola di via Cardinal Capranica, nel quartiere romano di Primavalle, attaccando frontalmente Matteo Salvini.

E aggiunge: “Sui fondi russi alla Lega c’è una procura che sta indagando, ma io trovo che, se un ministro giura sulla Costituzione, non deve avere problemi a sgomberare il campo da qualsiasi equivoco e andare anche a riferire in Parlamento. E il rischio che vedo di questo contratto M5s-Lega tra privati è quello di far saltare il Parlamento e anche i corpi sociali. E’ un contratto tra privati che impone condizioni e decide tutto sulla testa di chiunque, senza rispondere a nessuno. Questa è una riduzione della democrazia. Che democrazia è quella di un Paese che ha paura di combattere la povertà e al limite di aiutare quelli che stanno peggio? Quanto può durare una democrazia del genere?”.

Landini spiega: “Se essere poveri diventa una colpa, vuol dire che c’è qualcosa che non funziona. La spesa sull’abitare in Italia è lo 0, 13% . In Europa sta tra il 2 e il 3%. Bisognerebbe fare politiche abitative, non mettere in mezzo alla strada gente che magari ha perso il lavoro e non sa come fare, altro che condoni. Oggi anche per le case popolari già realizzate non ci sono più i soldi per fare la manutenzione e per metterle a posto. Oggi al Viminale alcuni rappresentanti della Lega hanno parlato di condoni. Qui hai gente povera che non sa dove sbattere la testa e vuoi fare una legge che condona quelli che evadono le tasse o quelli che sono ricchi? Fai un tweet dicendo che quel povero, che non ha i soldi per pagarsi una casa, va sbattuto fuori in mezzo alla strada?“.

Poi puntualizza: “Quando ci sono delle leggi ingiuste e sbagliate, bisogna affrontare i temi anche per cambiare la situazione. Se Rosa Parks non si fosse seduta dove non poteva, saremmo stati ancora all’apartheid. Mio padre a 18 anni ha dovuto scegliere: o andava nella Repubblica di Salò o disertava e faceva il partigiano contro i fascisti. Era illegale quello che scelse, ma era stata la condizione per affrontare il quadro. Ci sono dei momenti in cui le cose vanno affrontate. E quando ci sono delle ingiustizie, vanno combattute“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Fondi Lega-Russia, protesta Pd alla Camera. Fiano: “Salvini ha mentito e continua a scappare”

next