Il ministro dell’Interno Matteo Salvini nicchia, svicola, non risponde. Insomma, non vuole andare in Parlamento a riferire sul caso dei presunti fondi russi per la campagna delle Europee. Nonostante le sollecitazioni del premier Conte e del vicepremier Luigi Di Maio, il capo del Viminale tace di fronte alla richiesta formale di un’informativa presentata dal Partito Democratico. Che quindi, dopo la protesta in Aula, stoppa i lavori sul decreto Sicurezza bis in corso nelle commissioni Affari Costituzionali e Giustizia, riunite in seduta congiunta.

I deputati del Pd hanno ‘occupato’ il banco di presidenza dopo che il capogruppo Graziano Delrio aveva preso la parola per spiegare i motivi della protesta: “Non ci sono le condizioni di proseguire i lavori – ha detto – fisicamente ve lo impediremo. A me spiace molto. I lavori non riprenderanno finché non verrà restituita dignità a questo luogo”. Quindi i parlamentari dem hanno raggiunto il banco della presidenza. “Non state dando un bello spettacolo”, li ha redarguiti il presidente Giuseppe Brescia (M5S) prima di dover sospendere la seduta. 

Ma i dem sembrano intenzionati a non demordere: “Non è nelle prerogative di un ministro sottrarsi alla volontà del Parlamento che chiede di ascoltarlo – afferma Nicola Zingaretti lasciando Palazzo Madama dove ha incontrato la presidente Maria Elisabetta Casellati. “Non è facoltà del governo – aggiunge il capogruppo dem Andrea Marcucci – decidere se presentarsi o meno. Se il Parlamento chiama ministri o il premier in aula sono tenuti a presentarsi per rispetto istituzionale. Sarebbe ancora una Repubblica parlamentare la nostra…”. 

Intanto il presidente della Camera, Roberto Fico, come emerso al termine della conferenza dei capigruppo, in seguito alla mancata disponibilità da parte del vicepremier a presentarsi in Parlamento, invierà una lettera al ministro Fraccaro per reiterare la richiesta che era stata avanzata, oltre che dal Pd, anche da LeU e +Europa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi Lega, Delrio: “Salvini umilia il Parlamento. Occupiamo commissioni finché non sarà restituita dignità”

prev
Articolo Successivo

Strasburgo, Berlusconi al Parlamento con la mano fasciata: “Perché le bende? Non mi ricordo mai di avere l’età che ho…”

next