Prima la protesta dei deputati dem, con tanto di cartelli con foto di Salvini e Savoini assieme. Poi un duro scontro verbale sempre tra esponenti del Pd e alcuni deputati di FdI. Quindi un inedito intervento di Andrea Romano in lingua russa. Esplode la bagarre, nell’Aula di Montecitorio, sulla vicenda dei presunti finanziamenti russi alla Lega di Matteo Salvini.

Dopo la richiesta reiterata di Emanuele Fiano (Pd) al vicepremier di riferire in Aula, prende la parola il capogruppo FdI, Francesco Lollobrigida, che, nel ricordare i rapporti tra il vecchio Pci e l’Unione Sovietica, appella i deputati dem con la parola “servi”. Immediata la replica di Roberto Giachetti: “Un deputato – si lamenta rivolgendosi alla Presidenza – non può chiamare suoi colleghi servi, non una volta che può scappare, ma ben cinque volte, senza essere censurato formalmente”. E Lollobrigida, sarcastico, replica: “l’ho detto troppe poche volte…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi Lega-Russia, protesta Pd alla Camera. Fiano: “Salvini ha mentito e continua a scappare”

next
Articolo Successivo

Antimafia, via il segreto dagli archivi dal 1962. Morra: “Va recuperata la fiducia. Altre istituzioni ci seguano”

next