Migliaia di bosniaci stanno affluendo al Cimitero memoriale di Potocari, alle porte di Srebrenica, per la commemorazione delle oltre 8mila vittime del più grande massacro compiuto in Europa dopo la Seconda guerra mondiale. Nel ventiquattresimo anniversario di quello che la giustizia internazionale ha definito un genocidio compiuto dalle truppe serbo-bosniache di Ratko Mladic, verranno sepolti i resti delle 33 vittime identificate nel corso degli ultimi 12 mesi. I resti, ritrovati sparsi in oltre  70 fosse comuni e identificati grazie al Dna, saranno tumulati accanto alle 6.610 tombe già presenti a Potocari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, missili francesi scoperti in una base del generale Haftar. Parigi costretta ad ammettere: “Nostri, ma erano fuori uso”

prev
Articolo Successivo

Trump contro la criptovaluta Libra: “Poco affidabile. Se Facebook vuole diventare una banca rispetti le regole”

next