Il video è stato girato alcuni giorni fa da un giovane siriano, mentre si trovava nei boschi al confine tra la Bosnia e la Croazia, nel tentativo di raggiungere l’Europa e chiedere asilo. Ed è stato diffuso dai volontari di No Name’s Kitchen e dagli attivisti di Are you serious?, per “denunciare le violenze delle polizia croata sui migranti”. Mentre cammina nella foresta insieme a un gruppo di altri 4 stranieri, il ragazzo sente delle urla. “Sono i migranti picchiati dai croati”.  Così decide di soccorrerli. Uno dei due, come si vede nel video, perde sangue dal volto, mentre l’altro è immobilizzato a terra perché, racconta, colpito alle caviglie dagli agenti di frontiera.  In seguito, il migrante siriano ha raccontato ai volontari di aver visto la polizia croata trasportare diversi stranieri con un furgone, picchiarli e poi abbandonarli nel bosco. “Voci e pianti così non ne avevo mai sentiti nella mia vita”. Dopo aver aiutato il gruppo ferito, il ragazzo siriano ha scelto di tornare indietro in Bosnia, verso il campo di Velika Kladusa, per ritentare il viaggio alcuni giorni dopo.

Dall’inizio dell’anno in Bosnia sono arrivati circa 20mila migranti. Come documentato anche dal Fatto.it, la maggior parte di loro si trova in campi a Bihac e a Velika Kladusa, due città al confine con la Croazia. Qui famiglie con bambini, minori e uomini soli dormono accampati in tende, esposti al freddo e alla pioggia, o in edifici fatiscenti e abbandonati. Tutti sono in attesa di provare “il game“, ossia il cammino verso l’Europa attraverso i boschi. L’obiettivo è raggiungere la Germania, l’Italia o i paesi nordeuropei, cercando di non farsi catturare dalla polizia croata. “Ci picchiano, ci rubano i soldi e ci distruggono i cellulari” sono i loro racconti. Alcuni di loro hanno decine di tentativi alle spalle. E sulla pelle i segni e i lividi dei loro viaggi.

Il filmato è stato gentilmente concesso dal collettivo Gipsy Kokè.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carovana migranti, l’obiettivo è entrare in California. E Trump sospende per 90 giorni il diritto d’asilo agli irregolari

next
Articolo Successivo

Conferenza Palermo, un successo o ‘una sceneggiata’? Viene il sospetto che ai libici vada bene così

next