L’accordo, lo sbarco delle persone più vulnerabili, lo stallo. La barca a vela Alex della ong Mediterranea Saving Humans, che giovedì ha soccorso un gommone in difficoltà con 54 persone a largo della Libia, è al limite delle acque territoriali italiane, a 12 miglia da Lampedusa, da ore. Dal governo italiano è arrivato il divieto di avvicinarsi all’isola, mentre è Malta ad aver offerto lo sbarco con la contropartita di 55 migranti già presenti a La Valletta da mandare in Italia. Ma il trasbordo non è ancora avvenuto e alla fine è il Viminale ha far trapelare la propria spiegazione dello stallo, mentre resta sempre in piedi anche il caso della Alan Kurdi che ha recuperato altri 65 migranti per i quali l’Italia ha chiesto ufficialmente supporto alla Germania. La situazione sarebbe al momento senza via d’uscita secondo il ministero dell’Interno perché “Mediterranea pone una serie di condizioni” che “appaiono finalizzate a sottrarsi a qualsiasi forma di controllo anziché a salvaguardare le persone a bordo”. Una “impressione”, spiega fonti ministeriali, “rafforzata dalla espressa richiesta di essere sottratta a qualsiasi ‘azione coercitiva’ da parte di Malta o Italia, prefigurando una sorta di impunità”. Una ricostruzione totalmente smentita dalla portavoce Alessandra Sciurba: “Non abbiamo rifiutato La Valletta come porto sicuro ma in queste condizioni è impossibile affrontare 15 ore di navigazione. Siamo in attesa di assetti navali italiane o maltesi che prendano a bordo queste persone”. 

Il Viminale: “Vogliono trasbordo al largo”
In sostanza, secondo fonti del Viminale, Mediterranea rifiuta l’offerta dell’Italia di trasbordare gli immigrati per condurli a Malta a condizione che in porto entri anche l’imbarcazione. La ong – sempre stando alla ricostruzione del ministero guidato da Matteo Salvini – “propone di fermarsi, trasbordare gli immigrati su altre imbarcazioni messe a disposizione da Roma o La Valletta e invertire la rotta a circa 15 miglia nautiche da Malta”, quindi in acque internazionali. “Una provocazione assurda”, commentano le stesse fonti. L’obiettivo è il sequestro, insomma, meglio se a La Valletta. La situazione che sembrava prossima a sbloccare si è quindi complicata, perché il rifiuto a entrare in porto è considerato dal Viminale una “una scorciatoia per dribblare le norme di un altro Paese membro dell’Unione europea”. Il ministero dell’Interno sottolinea che “le cosiddette fragilità a bordo di Alex (donne e bambini, ndr) sono state già portate a terra, in Italia. Si tratta di 14 persone”, che hanno lasciato la nave e sono state trasbordate su una motovedetta della Guardia Costiera. Salvini nel pomeriggio aveva catalogato un eventuale rifiuto all’accordo raggiunto da Roma e La Valletta come di un “atto di pirateria” perché “di mezzo non ci sono la Libia o la Tunisia, ma il porto di un Paese europeo”. Mediterranea già nelle ore precedenti aveva più volte spiegato quanto ha poi ribadito circa i rischi della traversata da Lampedusa a Malta “per le condizioni psicofisiche delle persone a bordo e le caratteristiche della nave”.

Sea-Eye: “Soccorse 65 persone, aspettiamo risposta”
Intanto, il Viminale deve gestire anche il caso della Alan Kurdi della ong Sea-Eye che ha soccorso 65 migranti in acque libiche. Il vicepremier ha scritto al suo omologo tedesco Horst Seehofer chiedendo un intervento “necessario e urgente”. Dopo essere rimasta in attesa di una risposta da Malta, Roma e Tripoli per la presa in carico dei migranti, alla nave è stato assegnato il porto libico. Il gommone in difficoltà è stato raggiunto nelle prime ore del mattino di venerdì: “Le persone a bordo hanno avuto una fortuna incredibile a esser state trovate”, ha affermato Gorden Isler, comandante dell’imbarcazione. Il gommone con a bordo i migranti, ha spiegato la ong, aveva un motore funzionante e sufficiente carburante, ma gli occupanti non avevano a disposizione telefoni satellitari o Gps. “Senza alcuna conoscenza nautica e senza telefoni, il loro destino era segnato“, ha aggiunto Isler. 

Il governo tedesco: “Trovare porto sicuro”
“Salvare vite in mare è un compito europeo”, ha detto una portavoce del governo tedesco, Martina Fiez. “Siamo al corrente della notizia della nave Alan Kurdi – ha proseguito -, sottolineiamo ancora una volta che il nostro obiettivo come governo tedesco è trovare una soluzione veloce. Si tratta di trovare un porto sicuro e di chiarire la questione della redistribuzione” in ambito europeo. Ma Salvini chiude a qualsiasi possibile sbarco della nave nei porti italiani: “La ong tedesca può scegliere fra la Tunisia e la Germania”, ha dichiarato. La portavoce del governo di Berlino avvisa però che “al momento il governo federale non ha ricevuto alcuna richiesta di accoglienza delle persone” da parte dell’esecutivo italiano riguardo a coloro che sono sbarcati a Lampedusa alcuni giorni fa.

Salvini a Seehofer: “Necessario vostro intervento”
Nel pomeriggio, però, è trapelato il contenuto di una lettera inviata da Salvini al suo omologo tedesco, Horst Seehofer, in cui chiede l’intervento della Germania per risolvere la situazione della nave Alan Kurdi: “L’Italia, pur continuando a rispettare la normativa sovranazionale e a difendere responsabilmente le frontiere europee a beneficio di tutti gli Stati membri dell’Ue, non intende più essere l’unico hotspot dell’Europa”. È “necessario ed urgente che la Germania intervenga nei confronti della nave Alan Kurdi e del suo comandante affinché, nel doveroso esercizio della vostra e loro responsabilità, sia assicurato alle persone a bordo il rapido sbarco in apposito luogo”.

I minisbarchi in Sardegna
Intanto, nella sola giornata di venerdì si sono registrati due nuovi minisbarchi. In nottata, le motovedette della Guardia di Finanza e della Capitaneria di porto hanno soccorso un’imbarcazione con 14 persone a bordo arrivata sulle coste di Lampedusa. Tra i passeggeri c’erano anche due donne e quattro bambini. Nella mattinata, invece, un altro barchino con a bordo otto algerini è approdato sulla spiaggia di Porto Pino, nel Comune di Sant’Anna Arresi, in Sardegna. Il gruppetto è stato visto dai titolari di uno stabilimento balneare che ha poi chiamato il 113. Sul posto sono arrivati gli agenti del Commissariato di Carbonia, che hanno bloccato i migranti e dopo le procedure mediche e di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, Putin: “Con l’Italia per arrivare al cessate il fuoco. Nato ha distrutto la stabilità, ora deve riparare”

next
Articolo Successivo

California, la terra trema ancora: nuovo scossa di terremoto magnitudo 7.1. È la più forte degli ultimi 20 anni

next