Quattro tra ex e attuale presidente degli Stati Uniti, interpretati da attori, per promuovere la nuova rotta Roma-Washington DC. Questa l’idea della nuova campagna pubblicitaria realizzata da Alitalia e promossa anche attraverso l’hashtag #WhereIsWashington. I quattro inquilini della Casa Bianca scelti? Lincoln, Washington, Obama e Trump. La campagna però si è fermata con Obama per via delle polemiche esplose sul web. Per truccare l’attore che ha interpretato Barack Obama si è fatto ricorso, fa notare chi ha criticato aspramente l’idea, al Blackface, una pratica ottocentesca che consisteva nel truccare in modo accentuato e con dei tratti caricaturali un attore bianco, per trasformarlo in uno di colore. Pratica che anche Martin Luther King aveva bollato come razzista.

Per Obama è stato scelto un attore algerino truccato da nero. Chi ha prodotto lo spot fa sapere di aver scelto un attore somigliante all’ex presidente ma il lavoro di make-up, che c’è stato eccome, ha dato vita alle polemiche. E Alitalia ha cercato di riparare il danno ritirando lo spot.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nanga Parbat, il torinese Carlo Alberto Cimenti conquista la vetta e scrive alla moglie: “Sono sdraiato in cima al mondo e piango rido e ti amo”

next