Quattro tra ex e attuale presidente degli Stati Uniti, interpretati da attori, per promuovere la nuova rotta Roma-Washington DC. Questa l’idea della nuova campagna pubblicitaria realizzata da Alitalia e promossa anche attraverso l’hashtag #WhereIsWashington. I quattro inquilini della Casa Bianca scelti? Lincoln, Washington, Obama e Trump. La campagna però si è fermata con Obama per via delle polemiche esplose sul web. Per truccare l’attore che ha interpretato Barack Obama si è fatto ricorso, fa notare chi ha criticato aspramente l’idea, al Blackface, una pratica ottocentesca che consisteva nel truccare in modo accentuato e con dei tratti caricaturali un attore bianco, per trasformarlo in uno di colore. Pratica che anche Martin Luther King aveva bollato come razzista.

Per Obama è stato scelto un attore algerino truccato da nero. Chi ha prodotto lo spot fa sapere di aver scelto un attore somigliante all’ex presidente ma il lavoro di make-up, che c’è stato eccome, ha dato vita alle polemiche. E Alitalia ha cercato di riparare il danno ritirando lo spot.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nanga Parbat, il torinese Carlo Alberto Cimenti conquista la vetta e scrive alla moglie: “Sono sdraiato in cima al mondo e piango rido e ti amo”

prev
Articolo Successivo

Nicolas Sarkozy e Carla Bruni, lui più alto di lei nella cover di Paris Match. L’ironia dei social

next