L’affresco raffigurante “Apollo circondato dallo zodiaco”, opera cinquecentesca dei fratelli Zuccari per celebrare il matrimonio tra il duca Orsini e Isabella de’ Medici, lo si può ammirare in due luoghi: nella sala Papalina del castello Odescalchi di Bracciano e sul “cielo” di una Giulia Grand Tour. L’ultimo ritrovato di stile di Garage Italia in collaborazione con Hertz offre tre esemplari di una Giulia blu lapislazzulo che saranno disponibili inizialmente solo nelle tre sedi di Firenze, Milano e Roma.

Hertz, azienda di autonoleggio presente con 240 agenzie in tutta Italia, ha ora impreziosito la gamma premium Selezione Italia con una Giulia che inaugura il segmento Grand Tour, dedicato ad esaltare le bellezze artistiche del nostro Paese. Una selezione chiaramente rivolta ad una clientela straniera così come suggerisce il nome “Grand Tour”, viaggio di formazione molto in voga tra cinque e seicento tra i  rampolli dell’aristocrazia europea, per immergersi nella cultura del resto del Vecchio Continente, e molto spesso la destinazione principale era l’Italia.

L’artigianato di Garage Italia al servizio di Hertz ha voluto quindi ricreare la magnificenza dell’arte rinascimentale italiana partendo dal colore blu lapislazzulo, riprodotto sia per la carrozzeria che per gli interni e in particolare la selleria, realizzata in Alcantara. “Volevamo un prodotto che potesse rappresentare lo stile italiano in maniera creativa e contemporanea” ha dichiarato Massimiliano Archiapatti, amministratore delegato di Hertz Italia, “Giulia Grand Tour racchiude l’essenza dell’arte italiana, la maestria degli artisti, l’attenzione ad ogni dettaglio”.

La berlina Grand Tour di Alfa Romeo, il cui costo di noleggio giornaliero si aggira intorno a 200 euro, si va ad unire in questo modo agli altri modelli del Biscione, di Maserati, Fiat e Abarth, altre icone dell’automobilismo made in Italy che Hertz ha raccolto nella sua Selezione Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lamborghini, a Sant’Agata Bolognese inaugurato il nuovo centro di verniciatura della Urus – FOTO

prev
Articolo Successivo

Gruppo Renault, numeri italiani convincenti. Grazie a Dacia e commerciali

next