L’affresco raffigurante “Apollo circondato dallo zodiaco”, opera cinquecentesca dei fratelli Zuccari per celebrare il matrimonio tra il duca Orsini e Isabella de’ Medici, lo si può ammirare in due luoghi: nella sala Papalina del castello Odescalchi di Bracciano e sul “cielo” di una Giulia Grand Tour. L’ultimo ritrovato di stile di Garage Italia in collaborazione con Hertz offre tre esemplari di una Giulia blu lapislazzulo che saranno disponibili inizialmente solo nelle tre sedi di Firenze, Milano e Roma.

Hertz, azienda di autonoleggio presente con 240 agenzie in tutta Italia, ha ora impreziosito la gamma premium Selezione Italia con una Giulia che inaugura il segmento Grand Tour, dedicato ad esaltare le bellezze artistiche del nostro Paese. Una selezione chiaramente rivolta ad una clientela straniera così come suggerisce il nome “Grand Tour”, viaggio di formazione molto in voga tra cinque e seicento tra i  rampolli dell’aristocrazia europea, per immergersi nella cultura del resto del Vecchio Continente, e molto spesso la destinazione principale era l’Italia.

L’artigianato di Garage Italia al servizio di Hertz ha voluto quindi ricreare la magnificenza dell’arte rinascimentale italiana partendo dal colore blu lapislazzulo, riprodotto sia per la carrozzeria che per gli interni e in particolare la selleria, realizzata in Alcantara. “Volevamo un prodotto che potesse rappresentare lo stile italiano in maniera creativa e contemporanea” ha dichiarato Massimiliano Archiapatti, amministratore delegato di Hertz Italia, “Giulia Grand Tour racchiude l’essenza dell’arte italiana, la maestria degli artisti, l’attenzione ad ogni dettaglio”.

La berlina Grand Tour di Alfa Romeo, il cui costo di noleggio giornaliero si aggira intorno a 200 euro, si va ad unire in questo modo agli altri modelli del Biscione, di Maserati, Fiat e Abarth, altre icone dell’automobilismo made in Italy che Hertz ha raccolto nella sua Selezione Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lamborghini, a Sant’Agata Bolognese inaugurato il nuovo centro di verniciatura della Urus – FOTO

next
Articolo Successivo

Gruppo Renault, numeri italiani convincenti. Grazie a Dacia e commerciali

next