Insultava, umiliava e picchiava la figlia affetta da disabilità, tanto da indurre anche il fratellino più piccolo a picchiarla a sua volta e sputarle addosso. È stata così arrestata a Varese una donna di 30 anni accusata di maltrattamenti nei confronti dei tre figli di 4, 7 e 10 anni, accanendosi in particolare sulla figlia disabile. “Tutti sapevano, insegnanti e assistenti sociali, tutti vedevano i lividi sulla bambina e nessuno ha denunciato” è stato il commento del procuratore di Varese Daniela Borgonovo, che ha spiegato che dalle indagini della squadra mobile è emerso che le ecchimosi sul corpo della piccola erano apparse da almeno un anno, ma che tutti quelli che le hanno notate si sono limitati a riferirlo alla madre. Il compagno della donna – che non risulta essere il padre della bambina disabile – è stato sottoposto a divieto di avvicinamento ai minori, mentre i piccoli sono stati affidati a una struttura protetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova è famosa per le epidemie di sfiga. Ma nove ore di blackout sono anche troppo

prev
Articolo Successivo

Strage di Ustica, Mattarella: “Ferita indelebile. Bene contributi per la verità”. Fico: “Restano punti interrogativi”

next