I nostalgici dell’alba dell’era informatica accoglieranno con piacere, e con un po’ di commozione, il ritorno del Commodore 64, l’emblematico computer domestico che a cavallo fra la fine degli anni ’80 e gli anni ’90 entrò nelle case di milioni di utenti privati. Non sarà l’originale, ma per 120 euro (119,99 euro per la precisione) si potrà comprare una riproduzione molto fedele, con tastiera a grandezza naturale e il classico joystick micro-switch aggiornato.

Si chiama THEC64, è sviluppato da Retro Games e sarà distribuito da Koch Media. Rispetto al modello anni ’80 sarà svecchiato, con quattro porte USB e la possibilità di connettersi a qualsiasi televisore moderno tramite il connettore HDMI.

 

Dispone di tre diverse modalità: C64 BASIC, VIC20 BASIC o il “Game Carousel” che permette di giocare ai 64 titoli preinstallati, fra cui World Games, Cosmic Causeway e Netherworld. Inoltre, tramite una chiavetta USB, si potranno caricare e salvare i propri giochi C64 e VIC20.

Ricordiamo che poco tempo fa è stato commercializzata una versione “mini” del mitico Commodore 64, il “The C64 Mini” di cui avevamo parlato diffusamente in questo articolo. Se preferite il modello a grandezza naturale mettetelo in lista per i regali di Natale, dato che THEC64 sarà disponibile dal 5 dicembre 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

EliteBook e Mobile Thin Client sono i nuovi notebook HP dedicati a chi lavora

prev
Articolo Successivo

File al sicuro online con OneDrive Personal Vault, la cassaforte digitale di Microsoft

next