“Siamo stanchi, siamo esausti. Fateci scendere”. È l’appello lanciato dai migranti che da 12 giorni si trovano a bordo della Sea watch al confine con le acque territoriali a 16 miglia circa dall’isola di Lampedusa. Sono 42 le persone a bordo della nave della ong. In un video, pubblicato da Forum Lampedusa Solidale, uno dei migranti soccorsi in mare, spiega: “Immaginate come deve sentirsi una persona che è scappata dalle carceri libiche e che ora si trova sui, costretta in uno spazio angusto, seduta o sdraiata senza potersi muovere. Inevitabilmente rischia di sentirsi male- dice –Non ce la facciamo più, la barca è piccola e non possiamo muoverci. Non c’è spazio. L’Italia non ci autorizza a sbarcare, chiediamo il vostro aiuto, chiediamo l’aiuto delle persone a terra. Pensateci perché qui non è facile”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulianova, 15enne disperso in mare: si era allontanato col materassino

prev
Articolo Successivo

Panzironi, il guru che promette di curare cancro e diabete potrà presentare la sua dieta nel Palazzo (pubblico) dell’Eur

next