Possiamo abolire le bottiglie di plastica usa e getta, utilizzando i fontanelli e i naturizzatori di acqua potabile.

Possiamo sostituire la plastica con le bioplastiche ricavate dagli scarti alimentari e agricoli.

Possiamo liberare le strade da migliaia di camion inquinanti facendoli viaggiare per mare e con navi riconvertite e biometano.

Possiamo tagliare i costi del riscaldamento e del raffrescamento isolando meglio le case anche con i cappotti invisibili.

Possiamo assorbire l’anidride carbonica che sta distruggendo l’equilibrio climatico con l’agricoltura bioenergetica e biologica dei doppi raccolti, più sani e convenienti.

Possiamo ricavare calore, frigorie ed energia dal sole, dal vento, dai fiumi, dal mare, dalle biomasse e dalla temperatura della terra.

Possiamo produrre biometano per i mezzi di trasporto anche dai rifiuti umidi e dagli scarti agricoli.

Possiamo costruire case antisismiche utilizzando il legno rinnovabile dei nostri boschi.

Possiamo riconvertire i mezzi di trasporto a benzina e diesel in elettrici o dual fuel. Possiamo alimentare con il biometano liquido (BioGNL) tutti i grandi diesel (camion, trattori, navi).

Possiamo ridurre drasticamente l’inquinamento delle grandi città che causa 70mila morti all’anno nel nostro paese, tagliare i costi energetici, rilanciare l’economia, creare nuovi posti di lavoro.

Le soluzioni per risparmiare denaro e non danneggiare la natura ci sono già. Il Festival Ecofuturo per la sesta volta, presenta le innovazioni tecnologiche che stanno rivoluzionando il nostro modo di vivere, spostarci e lavorare.

Anche quest’anno le aziende e i ricercatori che si sono distinti per la loro capacità di trovare soluzioni tecniche straordinarie, verranno presentati in questo evento, interamente trasmesso in diretta Face Book dalle pagine Ecofuturo Festival, Jacopo Fo.

Ilfattoquotidiano.it pubblicherà ogni giorno reportage, video sugli eventi e le presentazioni.

Oltre alle conferenze ci sarà cibo biologico, spettacoli, sessioni dedicate al benessere e alle cure naturali.

Il festival si svolgerà a Padova, nella splendida cornice del Fenice Green Energy Park, da martedì 25 alle ore 10 a domenica 30 giugno (vedi qui il programma dettagliato).

In questi 5 anni Ecofuturo Festival ha prodotto più di 200 video informativi sulle diverse tecnologie, disponibili su http://ecofuturo.eu/. Abbiamo organizzato incontri tra le aziende ecologiche e parlamentari italiani e europei.

Abbiamo contribuito a far affermare le ecotecnologie italiane nel mondo e abbiamo ottenuto anche grandi risultati concreti collaborando con le molte associazioni, gruppi e professionisti impegnati nella salvaguardia del pianeta. Quest’anno, tra l’altro saranno presenti ed interverranno gli attivisti di Friday for Future (video presentazione festival di Michele Dotti).

Tra i cambiamenti legislativi citiamo, tra l’altro, la possibilità di convertire liberamente i motori endotermici in elettrico e i motori diesel in dual fuel (gasolio/metano).

I Comuni italiani non sono più obbligati a conferire in discarica gli sfalci dei prati e le potature dei parchi e lungo le strade (con un risparmio di 200 milioni di euro all’anno).

L’Unione Europea ha stabilito le linee guida che porteranno alla possibilità per chi autoproduce energia elettrica di venderla direttamente, creando aree di scambio potenzialmente indipendenti dalla rete elettrica nazionale, ottenendo così maggiori guadagni e risparmi.

Grazie alla collaborazione con docenti universitari, attivisti e ricercatori abbiamo inoltre realizzato uno studio sulle potenzialità dell’economia verde che si arricchisce di anno in anno: “l’Almanacco di Ecofuturo”, disponibile gratuitamente in Pdf.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Istat, sostenibilità è ricchezza. In Italia le “ecoindustrie” volano al 2,3% del Pil

prev
Articolo Successivo

Legge sfascia-parchi, governo la impugna davanti alla Consulta: “È competenza statale, non regionale”

next