Botta e risposta serrato a Omnibus (La7) tra la conduttrice Alessandra Sardoni e Nicola Morra, senatore M5s e presidente della Commissione parlamentare Antimafia. La discussione verte sullo Spazzacorrotti e sulla diversa sensibilità di Lega e pentastellati in merito al tema della corruzione.


Morra auspica la realizzazione di un cronoprogramma con cui abbattere fatturati e utili di mafia e corruzione e Sardoni obietta: “Vabbè, ma su questo chi non sarebbe d’accordo? Parliamo dei metodi”.
“E allora perché non lo si fa?”, replica il senatore M5s.

Nasce un vis-à-vis concitato e Sardoni incalza: “Quindi, sta dicendo che le altre forze politiche sono colluse e i 5 Stelle no?”.
Morra viene interrotto e sbotta: “Se mi fa parlare, lo dico. Posso anche dire la mia, no?”. E continua: “Se ci sono forze politiche che raccolgono voti “’ndo’ cojo cojo”, cioè da qualunque ambito, anche in quelli particolarmente opachi, allora quelle stesse forze politiche devono essere chiamate ad assumersi le proprie responsabilità”.


Lei sta dipingendo tutti gli altri come disponibili alla corruzione”, ribadisce la giornalista.
“Dottoressa Sardoni, lei non mi può attribuire cose che non ho detto – replica Morra – Io ho detto che ci sono movimenti e partiti che cercano in qualche modo di evitare infiltrazioni”.
“E quali sono?”, ribadisce Alessandra Sardoni.
Morra risponde: “Per esempio, mi pare che il M5s imponga ai suoi candidati di essere tutti penalmente intonsi e puliti. Altri partiti, invece, fanno firmare il codice di autoregolamentazione per evitare situazioni vergognose e poi però presentano candidati non adatti”.

E, vabbè, voi avete fatto un governo con persone che erano condannate”, commenta Alessandra Sardoni.
Morra sospira nervosamente e sbotta di nuovo: “Questa non gliela consento, però”.
“Perché?” – ribatte Sardoni – “Mi riferisco a Siri”.
Ha ragione, sì – risponde il senatore M5s – “Siri aveva patteggiato. Ed è stato un nostro errore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La stoccata della Gruber a Di Battista: “Se volete governare non fate Alice nel paese delle meraviglie”. “Ci vuole tempo”

prev
Articolo Successivo

Governo, Travaglio: “Di Battista propone deroga secondo mandato? Così libera M5s dal ricatto di Salvini”

next