Il decreto Dignità “sta avendo effetti positivi sulle conversioni dei contratti”. Parola, anzi tweet, dell’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. Lo stesso Calenda che in passato aveva definito la misura voluta dal suo successore Luigi Di Maio “un mix di incompetenza e populismo” – questo il suo commento in un’intervista a La Stampa del 6 luglio 2018 – oppure ancora una norma che “sta creando una grandissima confusione sul mercato del lavoro” (era settembre scorso). Ora invece ammette che la misura ha avuto effetti positivi sulle trasformazioni dei contratti da tempo determinato a stabile, “più di quel che pensavo”.

Calenda quindi si rimangia le critiche, almeno in parte. Perché poi l’ex ministro dei governi Renzi e Gentiloni sottolinea anche come a suo parere il decreto abbia avuto “effetti drammatici sui mancati rinnovi”. “Va approfondito bene. Manteniamoci oggettivi. Sempre”, conclude il suo tweet. Una riflessione che arriva il giorno dopo la pubblicazione dei dati delle comunicazioni obbligatorie al ministero del Lavoro, secondo cui nel primo trimestre del 2019 le posizioni a tempo indeterminato sono salite di 207mila rispetto ai tre mesi precedenti, mentre quelle a tempo determinato si sono ridotte di 69mila. La crescita dei posti stabili e il calo di quelli precari sono influenzate dal “notevole aumento delle trasformazioni a tempo indeterminato (+223mila, +55%)“, si legge nel rapporto, “che raggiungono il livello massimo della serie storica“.

Rispondendo a chi sottolineava dunque i benefici del decreto Dignità, Calenda ha scritto di aver “sempre riconosciuto pubblicamente il dato”, ma che vanno sottolineate a suo parere anche la “perdita complessiva di occupati” – stando ai dati del ministero però l’occupazione rispetto al quarto trimestre 2018 è cresciuta dello 0,4% e su base annua dell’1,1% – e “il dato jobs act che vale più del doppio”. Un’altra persona lo ha appoggiato scrivendo: “Dopo gli spieghiamo che lo stesso sottosegretario Durigon ha dubbi sull’efficacia e che i contratti a tempo determinato usufruiscono dell’effetto sostituzione lasciando a casa così molta gente”. Il riferimento è alle parole del leghista che ha annunciato un ddl in cui si prevede di affidare “alla contrattazione più rappresentativa l’individuazione delle formule migliori per poter utilizzare ancora il lavoro flessibile“, modificando in parte il decreto Dignità. A lui però Calenda ha risposto con il tweet che smussa le precedenti critiche alla misura in vigore dalla scorsa estate e ne riconosce gli “effetti positivi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pescara, Terme di Caramanico chiuse da mesi: 180 impiegati senza lavoro. “Senza l’impianto qui si ferma tutto l’indotto”

prev
Articolo Successivo

Rider, presidente sezione Lavoro del Tribunale di Milano a Di Maio: “Necessario un intervento legislativo”

next