“Se non ricordo male appena si costituì il governo fu detto che nel giro di 15 giorni si sarebbe fatta la norma sui rider, ma poi non se ne è fatto nulla. Non voglio interferire, ma auspico che ci sia al più presto un intervento da parte del ministro competente (Luigi Di Maio, ndr)”. Al festival del lavoro di Milano, il presidente della sezione Lavoro del Tribunale di Milano, Piero Martello, interviene sul tema dei lavoratori della gig economy ribadendo la necessità di un intervento legislativo sul tema: “In Italia si continua a dire che la questione deve andare nelle mani dei giudici, ma così facendo dovremmo diventare come la dea Calì. Quante mani dovremmo avere? Non possiamo supplire alle carenze legislative”. Un appello condiviso anche dal presidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro della Provincia di Milano, Potito Di Nunzio: “È una materia complessa, non bastano gli annunci, ma serve un intervento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Dignità, Calenda si rimangia (in parte) le critiche: “Sta avendo effetti positivi sulle conversioni dei contratti”

next
Articolo Successivo

Lavoro, 10 anni dopo la crisi +100% di occupati part time anche se vorrebbero il tempo pieno. E 1,9 milioni sono donne

next