Ci sono poche cose più odiose e vili che approfittare della debolezza altrui, come ha fatto questa donna bosniaca con una signora di 86 anni costretta in carrozzina, e in aggiunta a ciò dentro un ascensore senza possibilità – se non di fuga – almeno di soccorso. Una di queste è aizzare l’odio e la ferocia come ha fatto non un suo truculento e sfegatato seguace, ma il ministro dell’Interno, responsabile della sicurezza di ogni cittadino, che, perfettamente consapevole dell’effetto che avrebbe ottenuto, ha dichiarato: “Questa maledetta ladra in carcere per trent’anni, messa in condizione di non avere più figli, e i suoi poveri bimbi dati in adozione a famiglie perbene. Punto”.

Quello che fa paura per il futuro di questa società è l’infezione di intolleranza, di odio, di pregiudizio e di ignoranza che generano dichiarazioni come queste. Non è così importante stabilire se la donna bosniaca ruba perché non sa come sfamare i suoi figli come l’Adelina di Ieri oggi e domani di Vittorio De Sica. Quella era l’Italia prima di Salvini, ora siamo  in un’altra Italia, nella quale un ministro di Stato può fomentare l’odio in una società in crisi. Una crisi che non è solo economica, ma è anche una crisi di identità, una crisi morale.

Io vivo a Milano dal 1999 e dal 2005 mi occupo delle comunità rom e sinte, dirette con scarsi risultati, certo. Forse anche perché in questi anni ho visto crescere l’odio e il pregiudizio, non perché odio e pregiudizio siano piante spontanee ma perché sono piante che vanno coltivate con costanza e attenzione. Quella costanza e attenzione che ho visto da quando Matteo Salvini era solo un consigliere comunale che si caratterizzava per i cori razzisti contro i napoletani e le manifestazioni razziste contro i rom. Erano gli anni in cui la Lega era solo padana, gli stessi anni in cui un candidato leghista al consiglio comunale di nome Bastoni appiccicava in giro per Milano adesivi con su scritto: “Bastoni contro gli immigrati”. Ora quest’odio è tracimato e condiziona la vita della nostra società. Ma ora Salvini non è più un consigliere in cerca di visibilità, non può solo brandire la ruspa, ora che è ministro di uno Stato che comprende 60 milioni non di suoi figli – per fortuna – ma di cittadini di tante culture, di tante religioni, di tante etnie, ogni sua parola ha un peso enorme. La sua responsabilità non riguarda solo i suoi fan più feroci che minacciano me e i miei fratelli e sorelle di stupro, di riaprire i forni crematori, che picchiano e sparano agli immigrati invocando il suo nome.

Forse ci vuole una pausa di riflessione, una pausa per considerare il male che l’odio fa a una società. Una pausa di riflessione per comprendere dove portano certe affermazioni e certe proposte. Sterilizzare la donna bosniaca e toglierle i figli. Basterebbe dire “già fatto”. Potremmo offrire a Salvini come lettura, dopo la Nutella mattutina, la tesi di laurea di Eva Justin, l’assistente del direttore dell’Ufficio per l’igiene razziale del Terzo Reich, nella quale si dà una base “scientifica” alla pratica della sterilizzazione di donne rom e sinti e di sottrazione dei figli che nella maggior parte dei casi non andavano – come auspica Salvini – a “famiglie perbene”, ma nei forni crematori. In realtà anche per questo si può dire “già fatto”: nella civile Svizzera dal 1926 al 1976 (!!!) le donne della comunità Jenisch (una comunità nomade dell’area tedesco-svizzera) sono state sterilizzate dopo la prima gravidanza e i figli affidati a famiglie perbene, di norma contadini che li sfruttavano nei lavori agricoli.

Se Salvini leggesse un po’ di questa storia recente, saprebbe dove portano le sue dichiarazioni. Ma certo che lo sa. Sa cosa vuol dire proporre di riaprire le case chiuse in un Paese nel quale fino al 1975 il marito che uccideva la donna adultera non era colpevole perché suo padre quando compiva 18 anni lo portava al casino per insegnarli cos’è “l’amore”: tutte le donne sono puttane meno la mamma. E la traccia di questa cultura non si è persa, ma è forte come dimostra chi difende la donna monouso, madre casalinga e come tragicamente dimostra lo sterminio di donne – una media spaventosa di tre alla settimana, più di 150 all’anno, senza contare gli stupri, gli sfregi, le percosse costanti, ecc. – opera di mariti, amanti, fidanzati per i quali la donna se non ti appartiene più è una puttana da uccidere, bruciare, stuprare, sfregiare. Una condizione che tocca anche chi ha culture altrettanto maschiliste, come testimonia la vicenda di Sana, la ragazza pachistana uccisa dai parenti perché voleva sposare un italiano.

Se vogliamo uscire da questa prigione c’è certo un lungo lavoro da fare per tutti, ma per prima cosa c’è da cambiare il nostro linguaggio e soprattutto deve cambiare il linguaggio di chi guida il Paese per portarlo fuori da una società in cui ciascuno odia l’altro perché è rom, perché è immigrato, perché è nero, perché è omosessuale e tutti gli altri perché, che ci rendono reciprocamente feroci.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Dati infanzia, Fico: “Sette minori stranieri su dieci in Italia sono nati qui. Garantire piena integrazione”

prev
Articolo Successivo

Maternità surrogata solidale, convegno in sede Cgil sulle pdl. Landini prende le distanze: “Nessun appoggio alla legge”

next