“Noi esistiamo, fatevene una ragione”.

Cinque parole che dovrebbero, in un paese normale, esaurire ogni tipo di discussione ed obiezione.

“Noi esistiamo, fatevene una ragione”.

E’ proprio così, esistono intorno a noi persone per le quali è impossibile spostarsi, prendere un autobus o una metropolitana ma che continuano ad esistere.

Sono abbastanza adulto ma continuo a emozionarmi ed a sentire le lacrime ingombrare i miei occhi nell’ascoltare le parole appassionate e nel vedere il roteare delle manine della piccola Elena.

“Noi esistiamo, fatevene una ragione”.

Ti chiedo scusa, piccola Elena.

Ti chiedo scusa, perché per troppo tempo abbiamo contribuito a far “crescere” (?) una società che della esistenza di chi fa fatica non vuole occuparsene.

Mi sento terribilmente chiamato in causa dalle tue parole.

Ti posso solo promettere che, sempre e per sempre, ricorderò a me stesso che un luogo più bello da vivere è quello dove TUTTI possono trovare accoglienza.

Grazie per avermelo ricordato e, puoi contare per quel poco che serve, sul mio sostegno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, Consiglio d’Europa: “Subito un porto”. Preoccupazione per il decreto Sicurezza

prev
Articolo Successivo

Fecondazione assistita, la Consulta: “Non illegittimo il divieto per le coppie gay”

next