“Noi esistiamo, fatevene una ragione”.

Cinque parole che dovrebbero, in un paese normale, esaurire ogni tipo di discussione ed obiezione.

“Noi esistiamo, fatevene una ragione”.

E’ proprio così, esistono intorno a noi persone per le quali è impossibile spostarsi, prendere un autobus o una metropolitana ma che continuano ad esistere.

Sono abbastanza adulto ma continuo a emozionarmi ed a sentire le lacrime ingombrare i miei occhi nell’ascoltare le parole appassionate e nel vedere il roteare delle manine della piccola Elena.

“Noi esistiamo, fatevene una ragione”.

Ti chiedo scusa, piccola Elena.

Ti chiedo scusa, perché per troppo tempo abbiamo contribuito a far “crescere” (?) una società che della esistenza di chi fa fatica non vuole occuparsene.

Mi sento terribilmente chiamato in causa dalle tue parole.

Ti posso solo promettere che, sempre e per sempre, ricorderò a me stesso che un luogo più bello da vivere è quello dove TUTTI possono trovare accoglienza.

Grazie per avermelo ricordato e, puoi contare per quel poco che serve, sul mio sostegno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, Consiglio d’Europa: “Subito un porto”. Preoccupazione per il decreto Sicurezza

next