E’ un pomeriggio fresco a Roma quando, il 15 giugno 1994 viene comunicata alla stampa l’organizzazione di un’importante conferenza stampa in Campidoglio per il venerdì successivo. All’evento “Le iniziative del Comune di Roma per i nomadi che vivono nella Capitale” interverrà il sindaco Francesco Rutelli, l’assessore alle Politiche sociali Amedeo Piva e Maurizio Bartolucci, 40enne, presidente della Commissione Politiche sociali.

Sette mesi prima, era stato eletto a sindaco della città il giovane Francesco Rutelli, che si era buttato in una competizione elettorale che per la prima volta prevedeva l’elezione del sindaco con il voto diretto dei cittadini. La Capitale è affogata in una crisi economica, politica e morale ed è ferma intenzione del neo sindaco mutare profondamente la struttura economica, l’organizzazione istituzionale e politica, la pianificazione urbanistica e infrastrutturale.

Il 17 giugno di 25 anni fa, nella Sala della Protomoteca, davanti ai giornalisti, consiglieri comunali e rappresentanti dell’associazionismo laico e cattolico, l’annuncio del primo cittadino: “Oggi vi presentiamo per la prima volta il ‘Piano Nomadi‘, che rappresenta la prima tappa di un cammino che contiamo di risolvere progressivamente e di concludere. I campi nomadi diventeranno degli spazi organizzati per quanto riguarda la vivibilità, la civiltà e la sicurezza della comunità romana. Dai 18 attuali insediamenti, passeremo a dieci campi sosta organizzati. Il percorso sarà lungo, non sarà semplice. E’ un grande processo di trasformazione. Maggiore controllo e un processo irreversibile di risanamento e di civile convivenza nei campi esistenti. I campi abusivi naturalmente non ci potranno essere. Gli abitanti dei campi sosta regolari saranno in possesso di un tesserino personale e le loro auto, per accedere al campo, avranno un contrassegno”. Per Roma è una giornata storica: nascono quel giorno i “campi nomadi” come spazi progettati e gestiti dall’istituzione comunale.

A seguire i dettagli presentati dall’assessore Piva: “I lavori da fare nei campi sono molti: l’allacciamento elettrico, l’allacciamento in foglia, lavori di bonifica, la recinzione di tutti i campi. La recinzione sarà fatta in tutti i campi, a tutela dei cittadini per il controllo dei campi, ma anche a tutela dei nomadi stessi. Il gruppo di lavoro sarà coordinato dall’Ufficio speciale immigrazione. Siamo sicuri che per la fine dell’estate i dieci campi saranno realizzati e funzionanti. Per un nomade, per vivere a Roma sarà fondamentale accettare di stabilirsi nei campi stabiliti dall’amministrazione comunale”.

“Abbiamo tutti la sensazione – confida al microfono il presidente Bartolucci – che ci stiamo apprestando a mettere in campo il passaggio dall’emergenza alla programmazione”. Mentre Massimo Converso, presidente dell’Opera Nomadi, rivela: “Noi sosteniamo completamente il Piano di questa amministrazione. Siamo d’accordo su tutto. I campi rom servono a controllare il problema. Questo è un Piano razionale, coraggioso e concreto”.

Sono passati 25 anni. Cinquemila erano i rom censiti nella Capitale e cinquemila sono oggi. Diciotto i campi riconosciuti; oggi sono solo uno in meno. In città è aumentato il razzismo e con esso il flusso di denaro speso attorno al “sistema campi” che nell’ultimo quarto di secolo ha raggiunto una cifra non lontana dal mezzo miliardo di euro. Nella Capitale quello del “sistema campi” è stato per 25 anni un business che ha infettato organizzazioni ed enti di volontariato e intossicato la città, amputando le speranze di vita di tre generazioni di rifugiati dell’ex Jugoslavia. Tutto parte da qui, dal 17 giugno 1994. Poi la storia si è ripetuta sino ad oggi con le solite conferenze stampa trionfalistiche di Walter Veltroni e Gianni Alemanno (“Il nostro Piano Nomadi è una rivoluzione copernicana. Cancelleremo quella che per Roma è una vergogna”, presentazione del Piano il 31 luglio 2009) fino ad arrivare a Virginia Raggi, che il 31 maggio 2017, accompagnata anche lei dall’assessore alle Politiche sociali e dalla presidente della Commissione Politiche sociali ha annunciato alla stampa, nella stessa Sala della Protomoteca: “Veramente per noi oggi è un giorno molto importante perché possiamo annunciare in maniera molto netta che finalmente a Roma saranno superati i campi rom. Saranno avviati progetti, campo per campo, insieme ai Municipi”.

Cambiano i termini ma resta immutata la spettacolarizzazione dell’annuncio e soprattutto ciò che segue: i rom di Roma restano nei campi e i soldi continuano a scorrere. Senza che nessuno abbia l’umiltà di imparare qualcosa dal passato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Csm, l’europarlamentare Pd ed ex pm Roberti: “Vanno abolite carriere dei magistrati, sono contro art.107 Costituzione”

next
Articolo Successivo

Pd, Calenda: “È un asilo, in disaccordo sulle cavolate. Gentiloni chiami le componenti e costruisca governo ombra”

next