“Quando mio marito era in vista ho perso certe occasioni, anche su richiesta di suoi compagni di partito come Walter Veltroni che una volta mi disse molto apertamente di fare un passo indietro nella mia vita professionale”. La giornalista e conduttrice Barbara Palombelli, ospite di “Belve”, il programma condotto da Francesca Fagnani sul Nove venerdì 14 giugno alle 22.45 ricorda il periodo in cui suo marito Francesco Rutelli ricopriva incarichi politici di primo piano nel centrosinistra e di come la sua posizione abbia influito sulla sua carriera professionale. “Quando lui era molto in vista mi sfuggivano determinate occasioni. Quando lui ha lasciato la politica probabilmente c’era più spazio per me. Nessuno si metteva a fare interrogazioni parlamentari sulla ‘moglie di’ – spiega la conduttrice di Stasera Italia (Rete4) – Francesco Storace, quando io ero “la moglie di”, ogni settimana faceva un’interrogazione contro di me per dire: ‘No, non deve lavorare, deve stare, non so, stare a casa a fare la calza’ però lo dicevano anche molti colleghi di partito di mio marito che se avessi fatto un passo indietro, due passi indietro, tre passi indietro… E non li ho mai fatti”. “Chi lo suggeriva?”, insiste la cronista. “Una volta me lo disse molto apertamente Walter Veltroni – ammette la Palombelli – Allora io dentro di me dissi: ‘Non solo non faccio un passo indietro, ma in quel periodo avevo la rubrica su Repubblica, Il Grande Fratello su Stream e poi la radio’. Questo era l’anno in cui mio marito si candidava contro Berlusconi (2001, ndr), io facevo tre cose come adesso”.

“Belve” (8 episodi da 30’) è scritto da Francesca Fagnani e prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belve (Nove), Palombelli: “Il peggior leader della sinistra degli ultimi 20 anni? Renzi. E’ un arrogante, una delusione anche umana”

prev
Articolo Successivo

Belve (Nove), Palombelli: “Mieli? Falco mascherato da colomba, mi ha cacciata dal Corriere”

next