Paolo Mieli mi ha cacciata dal Corriere con una raccomandata anonima, ma poi abbiamo fatto pace quando lui ha compiuto 60 anni. In tanti hanno provato a sterminarmi perché sono una persona libera”. La giornalista e conduttrice Barbara Palombelli, ospite di “Belve”, il programma condotto da Francesca Fagnani sul Nove venerdì 14 giugno alle 22.45, si toglie qualche sassolino dalla scarpa. “Ci dice un falco che invece si traveste da colomba?”, chiede la Fagnani. “Beh, il numero uno di tutti i rapaci è Paolo Mieli, il padre di tutti i falchi e falchetti, però lui fa sempre finta di essere il tuo migliore amico – racconta il volto di Stasera Italia (Rete 4) – E’ stato il miglior amico di tutti i giornalisti italiani, punto. Mi ha licenziato da Il Corriere della Sera con una raccomandata anonima, senza firma, più amico di così. Abbiamo fatto pace quando lui ha compiuto 60 anni, qualche anno dopo”. “E chi ha chiesto scusa?”, insiste la conduttrice di “Belve”. “Lui, mi ha detto: ‘Voglio compiere 60 anni con un cappuccino al bar Hungaria di Roma facendo pace con te‘”, ricorda la moglie dell’ex sindaco di Roma Francesco Rutelli rivelando, però, che non fu solo Mieli a cercare di estrometterla professionalmente: “Ci hanno provato in tanti a sterminarmi, sono stata cacciata quasi da tutti: da Mastella, dalla Rai, da Letizia Moratti, da Paolo Mieli, da Giulio Anselmi da Il Corriere della Sera, insomma da tanta gente”. “E perché secondo lei? Perché era scomoda, perché dava fastidio?”, domanda la giornalista. “Non lo so, forse perché sono una persona libera. Posso dirlo a 65 anni? Sì, lo voglio dire”, conclude la conduttrice di Forum (Canale 5).

“Belve” (8 episodi da 30’) è scritto da Francesca Fagnani e prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belve (Nove), Palombelli: “Quando mio marito era in vista, Veltroni mi chiese di fare un passo indietro nel lavoro”

prev
Articolo Successivo

Belve (Nove), Elisa Di Francisca: “Valentina Vezzali? A livello sportivo è meglio di me, ma a livello umano no”

next