Paolo Mieli mi ha cacciata dal Corriere con una raccomandata anonima, ma poi abbiamo fatto pace quando lui ha compiuto 60 anni. In tanti hanno provato a sterminarmi perché sono una persona libera”. La giornalista e conduttrice Barbara Palombelli, ospite di “Belve”, il programma condotto da Francesca Fagnani sul Nove venerdì 14 giugno alle 22.45, si toglie qualche sassolino dalla scarpa. “Ci dice un falco che invece si traveste da colomba?”, chiede la Fagnani. “Beh, il numero uno di tutti i rapaci è Paolo Mieli, il padre di tutti i falchi e falchetti, però lui fa sempre finta di essere il tuo migliore amico – racconta il volto di Stasera Italia (Rete 4) – E’ stato il miglior amico di tutti i giornalisti italiani, punto. Mi ha licenziato da Il Corriere della Sera con una raccomandata anonima, senza firma, più amico di così. Abbiamo fatto pace quando lui ha compiuto 60 anni, qualche anno dopo”. “E chi ha chiesto scusa?”, insiste la conduttrice di “Belve”. “Lui, mi ha detto: ‘Voglio compiere 60 anni con un cappuccino al bar Hungaria di Roma facendo pace con te‘”, ricorda la moglie dell’ex sindaco di Roma Francesco Rutelli rivelando, però, che non fu solo Mieli a cercare di estrometterla professionalmente: “Ci hanno provato in tanti a sterminarmi, sono stata cacciata quasi da tutti: da Mastella, dalla Rai, da Letizia Moratti, da Paolo Mieli, da Giulio Anselmi da Il Corriere della Sera, insomma da tanta gente”. “E perché secondo lei? Perché era scomoda, perché dava fastidio?”, domanda la giornalista. “Non lo so, forse perché sono una persona libera. Posso dirlo a 65 anni? Sì, lo voglio dire”, conclude la conduttrice di Forum (Canale 5).

“Belve” (8 episodi da 30’) è scritto da Francesca Fagnani e prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belve (Nove), Palombelli: “Quando mio marito era in vista, Veltroni mi chiese di fare un passo indietro nel lavoro”

next
Articolo Successivo

Belve (Nove), Elisa Di Francisca: “Valentina Vezzali? A livello sportivo è meglio di me, ma a livello umano no”

next