Il messaggio di Gianluigi Paragone al ministro Giovanni Tria contro il ventilato “compromesso” con Bruxelles per evitare sanzioni. “Avremmo voluto esprimerci su una risoluzione che la impegnava in modo definitivo ed univoco sulla trattativa con l’Unione Europea. Invece lei si presenta qui con una informativa sulla quale non è previsto alcun voto vincolante per lei e per il governo. Ne prendiamo atto ma con vigore le rilanciamo allora quel ‘Sino a quando’? Fino a quando i forti avranno sempre un santo in paradiso in più? Anche lei, come noi, signor Ministro, dovrebbe urlare il suo sdegno contro questa Commissione Europea”. Poi conclude chiedendo al ministro Tria “il coraggio di scorporare la spesa per investimenti pubblici dal deficit corrente in bilancio”, augurando una “ridiscussione dei Trattati dell’UE e del quadro normativo principale” per assicurare il rispetto dei punti del contratto, al di fuori del quale “lei non ha alcun mandato in bianco per trattare con l’Unione Europea per conto del Movimento 5 Stelle”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sblocca cantieri, il governo pone la fiducia alla Camera. Fischi dall’opposizione

prev
Articolo Successivo

Arata, Di Maio: “Puzza di bruciato si sentiva”. Morra: “Salvini convocato da tempo in Antimafia, ora urgente”

next