Ieri le cavallette, oggi api e cimici. Dopo le milioni di locuste che stanno devastando le campagne di Ottana, Iscras e Bolotana e in particolare modo Orani, in Sardegna, la Coldiretti lancia un altro allarme. Con il caldo, sciami di api hanno invaso Bologna, prendendo casa nel sottotetto della famosa biblioteca dell’Archiginnasio a pochi passi da Piazza Maggiore, in pieno centro. Ma anche nelle campagne del Nord Italia non c’è tregua: un’invasione di cimici ha causato danni al 40% dei raccolti nei terreni colpiti. I bersagli principali degli insetti sono meli, peri, kiwi, ma anche peschi, ciliegi, albicocchi e piante da vivai.

Nei centri abitati del Nord “i cittadini sono costretti a barricarsi in casa con porte e finestre” a causa della “cimice marmorata asiatica”, ha detto Coldiretti. “La situazione è difficile in tutto il Nord dal Friuli al Veneto, dalla Lombardia all’Emilia Romagna fino in Piemonte”, hanno spiegato gli esperti. “La diffusione improvvisa di questi insetti che non hanno nemici naturali è stata favorita dalle alte temperature. La lotta in campagna per ora può avvenire solo attraverso protezioni fisiche come le reti a difesa delle colture”. La Coldiretti ha chiesto poi al Governo di approvare il decreto “per l’immissione di specie e popolazioni non autoctone di organismi antagonisti di insetti alieni nel territorio italiano e ad accelerare le altre fasi dell’iter per autorizzare l’uso della vespa samurai, antagonista naturale della cimice”.

A Bologna, gli apicoltori della Coldiretti, con l’aiuto dei Vigili del fuoco, hanno recuperato le api mettendole in un’arnia. Ora le porteranno in un apiario dove potranno creare una nuova famiglia. A intervenire, padre e figlio apicoltori, Matteo e Maurizio Lorenzini, che sono stati ringraziati da Coldiretti Bologna: “Si sono resi disponibili per un lavoro così complesso e delicato per la sicurezza dei cittadini. Di fronte a questi episodi il consiglio è quello di non improvvisare e di rivolgersi a personale esperto che sa come trattare i preziosi insetti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terra dei fuochi, il Report Sentieri conferma ciò che sapevamo già. Ma qui a parlarne siamo ancora pochi

prev
Articolo Successivo

Germania, la proposta dei Verdi: vietare ai siti e-commerce di buttare via i resi

next