Quest’autunno, a 20anni dal lancio, Age of Empires II ritorna con la Definitive Edition che, come per il primo capitolo del celebre strategico di Microsoft, vedrà rinnovato in chiave UltraHD il comparto grafico ed una versione rimasterizzata della colonna sonora originale.

Ma le novità in arrivo non si fermano a grafica 4K e musiche, infatti debutterà il nuovo pacchetto di contenuti “The Last Khans” che includerà 3 nuove campagne e 4 nuove civilità, che andrà ad aggiungersi sia all’espansione rilasciata per il titolo originale, The Conquerors, che alle tre rilasciate negli ultimi anni su Steam per Age of Empires II HD, la prima remastered dello strategico rilasciata 6anni fa sullo store di Valve, portando il totale delle civiltà giocabili a 35.
Il gameplay dovrebbe rimanere simile all’Age of Empires II del ’99, vedendo però arrivare alcune migliorie per rendere l’esperienza di gioco più moderna, incluso il supporto al multiplayer ed agli achievements tramite XboxLive. Con la Definitive Edition arrivano pure la spectator mode ed il supporto nativo allo streaming, sistemi di sicuro interesse sia per quanto riguarda Youtuber e streamer su Twitch che per eventuali competizioni.

Age of Empires II: Definitive Edition sarà in vendita quest’autunno (non è ancora nota la data precisa) sia sullo store Windows 10 che su Steam con un prezzo di circa 19,99$, che dovrebbe venir scontato di 5$ ( scendendo a 14,99$) a coloro che hanno acquistato in passato su Steam Age of Empires II: HD Edition; i possessori del Xbox Game Pass vedranno invece il titolo aggiungersi gratuitamente tra quelli inclusi nel loro abbonamento.  Per chi volesse è già possibile registrarsi come “Insider” per porter partecipare alla fase di closed beta che dovrebbe partire a breve.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google Maps aiuta gli utenti a stare alla larga da calamità naturali quali terremoti, alluvioni e uragani

prev
Articolo Successivo

Panasonic Lumix S1R, la fotocamera professionale da 47 megapixel

next