Mangiare i migliori prodotti di ristoranti, forni e bar per pochi euro, ridurre gli sprechi e dare una mano all’ambiente: è l’obiettivo dell’app Too Good To Go, che permette di comprare a un piccolo prezzo l’invenduto degli esercizi aderenti. Cibo “troppo buono per andar sprecato”, come dice il nome dell’app, se consideriamo che in Italia l’eccedenza alimentare che rischia di finire nella spazzatura ogni anno raggiunge i 6 milioni di tonnellate. “Gli utenti sono quasi tutti Millennials, una generazione con meno soldi della precedente ma molto più sensibile al tema dell’ambiente”, spiega al fattoquotidiano.it Eugenio Sapora, general manager per l’Italia. “Non percepiscono come una vergogna cenare con l’invenduto dei negozi, ma anzi come un motivo di vanto, come una cosa smart”.

Too good to go è stata fondata nel 2016 da Mette Lykke, imprenditrice danese di 38 anni. Il meccanismo è semplice: bar, ristoranti e gastronomie con cibo in eccedenza confezionano delle “magic box” con l’invenduto della giornata ad un prezzo che va dai due ai sei euro. Attraverso la geolocalizzazione, ogni potenziale acquirente trova la magic box più vicina a seconda dei gusti: pasticcerie, forni, hamburgerie o ristoranti biologici. Ad oggi, hanno aderito circa 250 esercizi, soprattutto a Milano, Torino e Bologna, e Roma è la prossima sulla lista. Ogni punto vendita stabilisce una fascia oraria in cui il cliente può passare a prendere la magic box, invitandolo a portare i propri contenitori da casa, in modo da essere veramente “zero rifiuti”, né imballaggi né buste. “La mia grande preoccupazione – racconta Sapora – era la risposta del pubblico: invece sta andando benissimo, soprattutto tra il pubblico più giovane e smart. In media, vengono vendute 8 magic box su 10. A Torino, pochi giorni dopo il lancio, abbiamo toccato il 97%, letteralmente andate a ruba”.

Oggi è presente in 11 Paesi in tutto il mondo, può vantare più di 10 milioni di download e ha appena ricevuto il Tech5 Award, che ogni premia le realtà imprenditoriali più giovani e dinamiche d’Europa, soprattutto per l’impatto sociale positivo. Ogni anno in Italia l’eccedenza alimentare di ristoranti, supermercati e negozi raggiunge i 6 milioni di tonnellate: lo certifica il Libro Bianco Coop dello Spreco Alimentare, curato da Mauro Bruzzone e Francesco Russo insieme ai ricercatori dell’Università Cattolica. Non significa, però, che sia tutto cibo sprecato: in parte viene donato, venduto (come nel caso dell’app) o riutilizzato. Una pratica virtuosa non solo dal punto di vista etico e ambientale: secondo i dati diffusi dal Ministero dell’Ambiente, ogni anno finisce nel cestino della spazzatura l’equivalente di 15 miliardi di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grandi Navi. Lido, Chioggia, Malamocco, Porto Marghera: tutti i progetti per tenere i “giganti” lontani da Venezia

next