Il cestista Christian Burns è stato sospeso in via cautelare dalla prima sezione del Tna dopo essere risultato positivo a un controllo antidoping. Ala dell’Olimpia Milano, fresca di eliminazione dalle semifinali dei playoff scudetto, ma anche della Nazionale italiana, Burns era stato sottoposto a un controllo al termine della 30esima giornata della regular season di Serie A, Milano-Trieste, giocata ad Assago il 12 maggio 2019.

Il cestista è stato trovato positivo alla sostanza Clostebol Metabolita, uno steroide anabolizzante che spesso viene utilizzato per favorire la cicatrizzazione di abrasioni, ulcere cutanee o ragadi. La Prima Sezione del Tribunale nazionale antidoping, “in accoglimento dell’istanza – si legge nel comunicato – proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare Christian Charles Burns”. Nato a Trenton, negli Stati Uniti, il 33enne ha la cittadinanza italiana e ha esordito con gli azzurri nell’estate del 2017. In Italia ha giocato a Montegranaro e Cantù, prima del trasferimento all’Olimpia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabio Fognini tra i primi 10 giocatori del mondo: di nuovo un italiano dopo Barazzutti e Panatta (grazie a Federer)

prev
Articolo Successivo

Playoff basket, Cremona cuore immenso ma Venezia è spietata: ecco cosa aspettarsi dalla bella (gara5) – l’analisi

next