Il cestista Christian Burns è stato sospeso in via cautelare dalla prima sezione del Tna dopo essere risultato positivo a un controllo antidoping. Ala dell’Olimpia Milano, fresca di eliminazione dalle semifinali dei playoff scudetto, ma anche della Nazionale italiana, Burns era stato sottoposto a un controllo al termine della 30esima giornata della regular season di Serie A, Milano-Trieste, giocata ad Assago il 12 maggio 2019.

Il cestista è stato trovato positivo alla sostanza Clostebol Metabolita, uno steroide anabolizzante che spesso viene utilizzato per favorire la cicatrizzazione di abrasioni, ulcere cutanee o ragadi. La Prima Sezione del Tribunale nazionale antidoping, “in accoglimento dell’istanza – si legge nel comunicato – proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare Christian Charles Burns”. Nato a Trenton, negli Stati Uniti, il 33enne ha la cittadinanza italiana e ha esordito con gli azzurri nell’estate del 2017. In Italia ha giocato a Montegranaro e Cantù, prima del trasferimento all’Olimpia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabio Fognini tra i primi 10 giocatori del mondo: di nuovo un italiano dopo Barazzutti e Panatta (grazie a Federer)

next
Articolo Successivo

Playoff basket, Cremona cuore immenso ma Venezia è spietata: ecco cosa aspettarsi dalla bella (gara5) – l’analisi

next