I tavoli di crisi sono fuori controllo, Di Maio arrogantemente ha tolto una persona che sapeva fare quel lavoro molto bene e ci ha messo un incapace, Giorgio Sorial del M5s, che non è stato eletto“. Così l’europarlamentare di Siamo Europei-Pd, Carlo Calenda, ospite di 24 Mattino (Radio24), risponde a una domanda di Oscar Giannino in merito alle chiusure di Mercatone Uno e Whirlpool.

L’ex ministro dello Sviluppo Economico spiega: “Non è che la colpa della decisione di Whirlpool è di Di Maio, ci mancherebbe. La colpa enorme di Di Maio è che lo viene a sapere dalla stampa. E’ una cosa inimmaginabile. La verità è che ai tavoli di crisi non ci sta più nessuno. E il ministro Di Maio non ci va, non si sa il perché. E’ stato sostituito un signore, Giampiero Castano, che non era certamente un uomo mio, lo trovai quando diventai ministro. Castano da 20 anni con grande perizia seguiva ai tavoli le crisi aziendali, monitorando il tutto”.

E aggiunge: “Il ministero dello Sviluppo Economico è stato occupato “manu militari” da persone che in vita loro non hanno mai fatto questo lavoro. Risultato? Si apprende del Mercato. ne Uno dopo che è andato in fallimento, cosa assurda perché si tratta di vigilanza commissariale e i commissari hanno un anno di vigilanza successiva. E la stessa cosa è successa per Whirlpool”.

Calenda sottolinea: “Nessuno dà a Di Maio responsabilità che non ha. Ma ne ha una gigantesca: non si siede ai tavoli di crisi. Nessuno segue più questi tavoli, lo ha detto anche Marco Bentivogli l’altro giorno. Di Maio nega? Veramente lui non ci va ai tavoli. Fa venire a Roma a spese loro quelli di Alcoa, che è gente tosta. E non li incontra. Ma come si permette? Perché pensa di potersi permettere una cosa del genere?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini: “Incidente nave a Venezia? C’è progetto grandi navi si approvi. Si è già perso troppo tempo”

prev
Articolo Successivo

Governo, Conte: “Serve lealtà, non intendo vivacchiare. Di Maio e Salvini dicano rapidamente se si va avanti o lascio”

next