Il mercato degli auricolari senza fili è fiorente, chi ne cerca un paio ha l’imbarazzo della scelta. I modelli più costosi di marche famose sono una certezza, ma chi ha un budget limitato potrebbe faticare a trovare un buon compromesso fra prezzo e qualità. Consigliamo di dare un’occhiata alle 1More Stylish True Wireless che abbiamo provato. Sono facili da usare e da traportare, e anche funzionali grazie alla tecnologia ormai matura usata dal produttore. Durante i test non abbiamo rilevato ritardi durante la riproduzione e i comandi sono risultati intuitivi. L’ergonomia tuttavia è soggettiva, al contrario di altre proposte che si adattano più facilmente a qualsiasi utente. Inoltre non li abbiamo trovati particolarmente adatti per l’attività sportiva.

Il vero punto di forza di questo modello è tuttavia il prezzo di 89,99 euro, che associato alle altre caratteristiche ne fa un prodotto interessante.

La confezione è molto curata e include, oltre agli auricolari, la custodia con batteria integrata per la ricarica, tre set di gommini e tre archetti di taglia diversa per poter adattare le cuffie a diverse conformazioni auricolari. Nonostante questo sforzo, nel mese di test che abbiamo intrapreso abbiamo rilevato che se nell’uso quotidiano non ci sono problemi, durante l’attività sportiva la forma rotonda dell’archetto non riesce a fare presa in maniera adeguata e l’auricolare rischia di cadere. Abbiamo provato diverse combinazioni e tutte le taglie di gommini, ma nessuno ha garantito piena stabilità in tutte le situazioni.

La realizzazione è in plastica per tutti i componenti e il peso complessivo di ciascun auricolare è di 6,2 grammi, quindi sono molto leggeri. La custodia pesa 40,4 grammi e in tasca passa inosservata, ma è realizzata in materiale liscio che la rende piuttosto scivolosa: attenzione a non perderla!  Il connettore per la ricarica della custodia è una porta micro-USB, al posto della quale avremmo preferito trovare una più moderna USB-C.

La connessione degli Stylish True Wireless è molto stabile grazie alla tecnologia Bluetooth 5.0 e al chip Qualcomm con aptX. I driver hanno un diametro di 7 millimetri con un diaframma realizzato in composito di titanio, che riduce le distorsioni garantendo un suono di buona qualità.

La batteria integrata consente un’autonomia fino a 6,5 ore con una singola carica, usando la custodia si hanno altre 24 ore di autonomia. È disponibile anche la ricarica rapida, che offre tre ore di riproduzione a fronte di una ricarica di 15 minuti. Per arrivare al 100% di ricarica sono necessarie invece 2 ore e mezzo; per capire quando è completa basta controllare che sia spento il LED rosso su entrambi gli auricolari.

Non appena si estrae uno dei due auricolari dalla custodia, questo si accende e diventa il dispositivo principale (master) che si connette con lo smartphone. Questo permette di usare indifferentemente uno dei due auricolari per una riproduzione in modo di musica, chiamate e messaggi. Con la maggior parte delle cuffie l’auricolare master è predefinito in fabbrica e bisogna sempre controllare di indossare quello corretto se non si vogliono usare in coppia. In questo caso la praticità ci guadagna.

Per lo stesso motivo, ciascun auricolare è dotato di microfono, per cui sarà possibile effettuare chiamate indifferentemente con quello destro e sinistro.

Considerato il prezzo, l’esperienza audio offerta da questi auricolari è di buon livello. Le frequenze vengono ben riprodotte, soprattutto i toni bassi e alti, mentre i toni medi risultano un po’ meno valorizzati, anche se rimangono comunque percepibili. Il volume d’ascolto è piuttosto alto, e già al 70% si ottiene una pressione sonora sufficiente a isolare da buona parte dei rumori esterni, anche in luoghi piuttosto rumorosi come una stazione, un bar o sul tram.

Al contrario, durante le chiamate il volume non è altissimo, tanto che in alcune situazioni si fatica a sentire l’interlocutore. La qualità dei microfoni è invece nella media: i rumori di fondo vengono sufficientemente soppressi, ma ciò fa sentire la voce con un volume basso, come se fosse ovattata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Testamento biologico, le risposte alle nostre domande grazie alla chat con l’Intelligenza Artificiale

prev
Articolo Successivo

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

next