La politica “è fatica“, perché bisogna inginocchiarsi anche “per chiedere tre lire“. Parlava così ad aprile Diego Sozzani, deputato di Forza Italia per il quale la procura di Milano ha chiesto l’autorizzazione all’arresto alla Camera con l’accusa di finanziamento illecito nell’ambito dell’inchiesta della Dda che il 7 maggio ha portato all’arresto di 28 persone tra imprenditori, funzionari e politici.

Chiedeva “quanto”, Sozzani. Quanto avrebbe potuto dargli Daniele D’Alfonso, titolare della Ecol Service Srl che secondo i magistrati distribuiva soldi ai politici in cambio di appalti. “L’eventuale tuo aiuto quanto potrebbe essere? Perché devo fare il … la cifra finale”, domandava all’imprenditore il 6 febbraio, a meno di un mese dalle politiche del 4 marzo, l’allora membro del consiglio regionale del Piemonte e aspirante parlamentare. Alla fine, secondo i magistrati, D’Alfonso gli avrebbe elargito 10mila euro attraverso una fattura falsa emessa da una società terza. Una dazione che per i pm configura il reato di finanziamento illecito.

Sozzani si spende ma trovare i soldi per la campagna elettorale è sempre più difficile, lamenta il politico, che il 12 aprile ne parla intercettato con Nino Caianiello: “Io sto cercando i soldi perché è fatica, credimi! 15 anni fa qualcuno veniva lui di sua sponte da me, a dirmi ‘se entri in quel partito, che posso fare?’ – racconta Sozzani al ras di Forza Italia in provincia di Varese, presunto burattinaio del sistema emerso dell’inchiesta – adesso non si può più mettere le mani (…) mi inginocchio per chiedere tre lire! Tremila, cinquemila, diecimila, quando avevo bisogno centomila”, si confida il politico.

L’intercettazione è contenuta nelle centinaia di pagine di atti depositati in questi giorni al Riesame. Nella stessa intercettazione ambientale il parlamentare e Caianiello discutevano, spiegano i pm, “dell’intenzione di adoperarsi per ‘portare avanti’ l’esponente Pietro Tatarella“, in carcere dal 7 maggio anche per associazione per delinquere.

Rinviata l’udienza per l’utilizzo delle intercettazioni – L’udienza davanti al gip di Milano Raffaella Mascarino sulla richiesta della Dda di poter utilizzare quattro conversazioni intercettate a carico del deputato è stata rinviata all’11 giugno per un motivo tecnico. Il difensore di Sozzani, l’avvocato Massimo Di Noia, ha comunicato al giudice, infatti, che non ha potuto ascoltare per ragioni tecniche nei giorni scorsi le registrazioni, alcune ambientali e altre captate anche col sistema ‘troyan‘ che viene inoculato nei telefoni, perché negli uffici della polizia giudiziaria non c’erano le strumentazioni necessarie e la difesa proverà ad ascoltarle nei prossimi giorni.

L’udienza riguarda Sozzani, Caianiello e il presunto collettore delle mazzette Mauro Tolbar. Negli atti allegati i pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri riportano una serie di conversazioni che, “ad integrazione” della richiesta cautelare già accolta dal gip per Sozzani, “irrobustiscono le esigenze cautelari” che, a loro dire, giustificano la necessità dell’arresto del deputato.

Il nuovo fronte di indagine – Per Sozzani il gip ha emesso un’ordinanza di arresti domiciliari, inoltrata a Montecitorio, per il finanziamento illecito ricevuto da D’Alfonso. Gli stessi pm, però, negli atti integrativi, in parte omissati, spiegano che dalle quattro intercettazioni, captate tra dicembre e gennaio, “si ricava l’ottenimento da parte dello Studio Tecnico Associato Greenline“, amministrato dal parlamentare e dal fratello Stefano, “di incarichi da parte di società pubbliche sulle quali Caianiello esercita il suo indiscusso potere di influenza“.

In un’intercettazione ambientale del 10 dicembre, poi, Sozzani e Caianiello parlano negli uffici della Econord spa, società dell’imprenditore Claudio Milanese legato secondo i pm a Caianiello, il quale, tra l’altro, racconta anche al deputato che Milanese “è amico di Giancarlo Giorgetti”, vicesegretario federale della Lega e sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri. Nella conversazione, a cui partecipa anche il socio di Milanese, Sergio Bresciani, si fa riferimento ad una “opera di intermediazione” che dovrebbe svolgere il deputato per Milanese e, come scrive la Dda, alla “necessità di retribuire Sozzani”, ma con la “volontà di camuffare le reali ragioni di tali elargizioni”.

Gli inquirenti individuano, inoltre, nelle intercettazioni diverse “operazioni illecite” come gli “incarichi affidati” allo studio dei fratelli Sozzani dalle società in house Accam e Alfa srl con accordi che, secondo la Dda, prevedrebbero, poi, la “retrocessione” di parte dei compensi a Caianiello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Magistrati indagati, il ministro della Giustizia Bonafede attiva l’ispettorato

prev
Articolo Successivo

Luca Palamara, tutti i viaggi e le vacanze individuate dalla Guardia di Finanza: da Madonna di Campiglio a Dubai

next