Come Fassino, più di Fassino. Se le profezie dell’ex sindaco di Torino sono passate alla storia per essersi rivelate lontane anni luce dalla realtà dei fatti, c’è chi sempre all’interno del Partito democratico è riuscito a fare anche peggio. Il 25 maggio, a neanche 24 ore dalle elezioni europee, l’ex premier Matteo Renzi rilascia una lunga intervista al sito della tv svizzera in Italia. Con tanto di pronostico sulla tornata elettorale del giorno dopo. “Salvini è arrivato velocemente e altrettanto velocemente se ne andrà. Il conto alla rovescia per lui è già iniziato” dice l’ex Rottamatore. Evidente la sorpresa del giornalista, conseguente la domanda a corredo: “Ci crede davvero? Gli istituti di sondaggio lo vedono al 30 per cento, e in Europa è il faro di tutti i nazionalisti”. Il senatore semplice di Scandicci non ha dubbi. E argomenta: “È come accendere una candela su entrambi i lati, si scioglie molto velocemente. Salvini ha puntato tutto sull’immigrazione e sulla sicurezza, non fa altro che suscitare odio e paura. Come programma è un po’ povero, non dura a lungo”.

L’intervistatore insiste: “Ma molti italiani lo applaudono”. Per l’ex premier sono solo dettagli: “Ancora non per molto, forse per altri quattro o cinque mesi”. Di certo gli italiano hanno applaudito il leader della Lega nelle urne: lui oltre due milioni di preferenze (il più votato in Italia), il Carroccio a quota 34%, il Piemonte al centrodestra a trazione leghista. La profezia di Renzi, poi, si allunga ulteriormente, arrivando ad abbracciare la fine dell’anno: “Salvini finirà al più tardi quest’autunno, quando il governo deve presentare la finanziaria per il prossimo anno e dovrà far ricorso alle tasche degli italiani. I populisti non pagano il conto – conclude il parlamentare democratico – l’economia è stagnante, hanno fatto crollare il paese. Il populismo funziona solo quando si è all’opposizione”.

In attesa di capire se quest’ultimo pronostico sarà rispettato o se invece sarà sbugiardato come quello sull’andamento di Salvini alle europee, la certezza è che le parole dell’ex Rottamatore hanno superato per enormità del margine di errore quelle pronunciate nel 2018 dal Piero Fassino, fino a tre giorni fa primatista indiscusso delle profezie al contrario: “Trent’anni di Salvini? Nulla impedisce di sperare, però bisogna vedere se gli elettori gli daranno i voti” aveva detto l’ex segretario dei Ds a La Stampa. Storica, invece, la previsione sul successo politico del Movimento 5 Stelle. Nel 2009, intervistato da Repubblica Tv, Fassino aveva detto: “Beppe Grillo? Se vuol fare politica fondi un partito, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pavia, eletto a Tromello il primo sindaco transgender d’Italia: è Gianmarco Negri

prev
Articolo Successivo

Europee 2019: così Matteo Salvini ha vinto, prima sui social e poi alle urne

next