L’isola felice del centrosinistra è ancora lì, intatta. Una grande bolla munita di anticorpi in grado di resistere agli assalti della Lega che dilaga in buona parte d’Italia e soprattutto nella (ex) Toscana rossa. Ed è così che Firenze, culla del renzismo delle origini, dà nuovamente fiducia al sindaco del Partito democratico, Dario Nardella, che secondo le ultime proiezioni dovrebbe essere riconfermato al primo turno evitando quindi un pericoloso ballottaggio. È la prima volta nella storia di Firenze che un sindaco viene eletto per due volte al primo turno. “La partita si chiude oggi e il dato è clamoroso – ha detto il primo cittadino in conferenza stampa a Palazzo Vecchio quasi sorpreso – Grazie a tutti i fiorentini”. La vittoria di Nardella è stata accolta con entusiasmo anche dal suo predecessore ed ex premier, Matteo Renzi: “La vittoria della Lega alle Europee è netta. È altrettanto evidente che la risposta più forte alla vittoria di Salvini arriva oggi da Firenze”.

Tram, sviluppo e sicurezza: perché ha vinto
I consensi a favore del sindaco doppiano quelli dello sfidante del centrodestra unito, Ubaldo Bocci. Tra i primi dati che emergono finora c’è quello relativo al voto disgiunto: Nardella ha più voti delle liste che rappresenta e questo significa che molti fiorentini gli hanno dato fiducia pur preferendo scegliere un’altra lista a lui avversa. Decisive sulla vittoria del sindaco sono state alcune politiche portate avanti dalla giunta, in parte ereditate dall’amministrazione Renzi, come la partenza delle due linee della tramvia 2 e 3 che collegano l’aeroporto e l’ospedale di Careggi al centro di Firenze. Non solo: in questi anni il sindaco Nardella è stato il primo nel centrosinistra a sdoganare il “diritto alla sicurezza” cercando di combattere la movida “selvaggia” in centro e adottando il daspo urbano per chi delinque, coprendosi a destra e togliendo ai propri avversari uno dei loro cavalli di battaglia.

Da non sottovalutare nemmeno l’investimento della giunta nel verde pubblico e le posizioni sullo sviluppo economico: Nardella e il Pd sono da sempre favorevoli alle grandi opere come l’ampliamento dell’aeroporto di Firenze e la stazione Foster che dovrebbe permettere ai treni ad alta velocità di non attraversare la città e circolare sottoterra. Parlando con i giornalisti, il sindaco dem ha anche fatto notare che a Firenze “abbiamo il differenziale più ampio tra Pd e Lega che si possa registrare in una grande città”. “Oggi ha vinto Firenze – ha concluso Nardella –. La culla della cultura italiana ha risposto a tono a chi ha provato a spaventarla per una manciata di voti”.

Bocci, un candidato troppo debole
Il grande sconfitto in città è sicuramente la Lega e il suo candidato Bocci. Nelle ultime settimane Matteo Salvini e il suo braccio destro, Susanna Ceccardi, avevano puntato molto su di lui sbarcando due volte in città. Ma non è bastato. Il profilo del manager cattolico non è riuscito a sfondare nemmeno in quel ceto moderato a lui molto vicino ed è stato mancato anche l’obiettivo minimo: il ballottaggio. Se ci fosse stato un secondo turno, infatti, si sarebbe aperta tutta un’altra partita in grado di mettere in difficoltà il sindaco dem, ma così non è stato. Bocci durante la campagna elettorale ha puntato molto sui temi forti della Lega (sicurezza, immigrazione, periferie) ma ha commesso errori marchiani come l’ammissione di aver votato “” al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, la disorganizzazione della sua campagna e poche proposte forti da proporre in discontinuità rispetto alla giunta Nardella. E poi la sua vicinanza al mondo renziano non lo ha certo aiutato.

Twitter: @salvini_giacomo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2019, Induno Olona: paese del governatore Fontana e fine campagna con Giorgetti. Ma vince il centrosinistra

prev
Articolo Successivo

Livorno, Salvetti (Pd): ‘Al ballottaggio destra fa paura? Città aggrappata ad antifascismo’. Romiti (Fdi): ‘Noi cambiamento’

next