Il Gran Premio di Montecarlo va all’inglese Lewis Hamilton (Mercedes). A Montecarlo si piazza secondo Max Verstappen (Red Bull) poi penalizzato e finito al quarto posto. Sul podio salgono quindi, al secondo e terzo posto, Sebastian Vettel (Ferrari) e Valtteri Bottas (Mercedes).

Per Hamilton,  partito dalla pole position, si tratta della quarta vittoria stagionale, anche se Mercedes non è riuscita a centrare il record di sei doppiette consecutive. L’olandese è stato penalizzato per unsafe release in corsia box per un contatto con Bottas: la sanzione verrà scontata al termine della gara. Il giovanissimo monegasco Charles Leclerc su Ferrari è stato costretto al ritiro dopo 18 giri dopo aver effettuato alcuni “divertenti” sorpassi su un percorso cittadino considerato proibitivo in questo senso a causa dei danni riportati dalla monoposto in un contatto con la Renault di Nico Hulkenberg.

Comunque rispetto al passato grazie ai nuovi regolamenti  anche a Montecarlo tutte le macchine arrivano al traguardo. Una tempo invece il gran premio di Monaco era una vera e propria gara ad eliminazione. Si ricordi l’edizione del 1982 che si è svolta due settimane dopo la morte di Gilles Villeneuve che ha visto almeno cinque macchine fermarsi negli ultimi tre giri ed è finita con l’inaspettata vittoria di Riccardo Patrese.

Per Hamilton si tratta del 77° successo in carriera, il terzo sul circuito del Principato. Quinto posto per Pierre Gasly (Red Bull) davanti alla McLaren di Carlos Sainz e alle Toro Rosso di Daniil Kvyat e Alexander Albon. Completano la top ten Dani Ricciardo (Renault) e Romain Grosjean (Haas). Gara da deludente per le Alfa Romeo con il 17° posto di Kimi Raikkonen e il 19° di Antonio Giovinazzi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F1, Hamilton conquista la pole nel gran premio di Montecarlo, poi Bottas. Vettel solo quarto, delusione per Leclerc

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gp Canada: la Ferrari torna a sorridere, Vettel in pole davanti a Hamilton

next