Colorate, a volte un po’ strane, in altri casi molto comode. Le cabine elettorali sparse nelle città d’Europa appaiono così. In Slovacchia i votanti hanno la possibilità di sedersi, in Francia c’è chi ha votato con il suo cagnolino, a Stoccolma (Svezia) le cabine sembrano piccole tende. In Germania le cabine sono appoggiate a piccoli tavolini. Ad Atene (Grecia) le cabine sono particolarmente colorate e in quelle francesi in Guiana ci sono anche i cestini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Conte vota al seggio della scuola “Virgilio”. Poi la foto di gruppo con gli scrutatori: “Ho fatto il mio segno”

prev
Articolo Successivo

Genova, Beppe Grillo al seggio di Sant’Ilario con la moglie e il figlio che ha votato per la prima volta

next