Tanti applausi e molte lacrime per la prima volta a Riace dopo quasi 8 mesi di lontananza. Ancora sottoposto al divieto di dimora, infatti, solo con l’autorizzazione del Tribunale di Locri ieri sera il sindaco sospeso Mimmo Lucano ha potuto partecipare al comizio finale prima delle elezioni in cui è candidato a consigliere comunale nella lista “Il cielo sopra Riace” guidata da Maria Spanò.

“Di una cosa sono certo, – ha affermato un Lucano emozionato e quasi senza voce – se un giorno avrò la fortuna di tornare nella mia comunità l’impegno sociale non finirà mai per me perché non saprei vivere in un altro modo. Sono l’unico politico in esilio in Italia”.

“Riace – ha aggiunto – ha avuto un ruolo mondiale. Ero consapevole che sarebbe stato un lungo percorso. Abbiamo trasmesso un messaggio politico e di umanità. E questo sarà per sempre. Anche nei libri di storia si parla di Riace. L’immigrazione non è un dramma sociale. Riace ha dissolto quest’equazione sulla quale sono state costruite le fortune dell’attuale governo, ma non solo. È stata distrutta una piccola comunità: abbiamo perso la storia, l’asilo multietnico, i laboratori sono chiusi. Cosa farà lo Stato oggi?. Io me ne vado da questo ruolo a testa alta”.

E sull’inchiesta “Xenia” che ha portato al suo rinvio a giudizio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e, più in generale, per la gestione dei fondi destinati all’accoglienza: “Tutti i cittadini possiamo sbagliare. È giusto che sono indagato e il processo stabilirà la mia innocenza o colpevolezza. Ma certamente non voglio avere alibi. In tanti mi hanno proposto la candidatura al parlamento europeo. Potevo approfittare per avere l’immunità e un’indennità molto più alta, ma non l’ho fatto per una questione di orgoglio, per ripartire da dove è iniziata questa mia esperienza politica e istituzionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini, Anonymous ha pubblicato online 70mila email della Lega e dei suoi iscritti: scaricabili anche documenti d’identità

prev
Articolo Successivo

Roma, leader di Forza Nuova portato in Questura: “Portavo un mazzo di fiori dove è morta Desirée”

next