Al grido “Genova è solo antifascista” è iniziata la contromanifestazione degli antifascisti genovesi in contemporanea al comizio di CasaPound a Genova (una ventina di persone in tutto), nella centrale piazza Marsala completamente blindata dalla polizia. Gli antifascisti hanno tentato di forzare il blocco della polizia per entrare in piazza tirando oltre le grate alcuni fumogeni. Sono circa un migliaio i contromanifestanti: in piazza Cgil, portuali, antagonisti, Genova antifascista e alcuni studenti. Una parte della Cgil è rimasta in picchetto davanti alla prefettura.  La polizia, che ha ‘chiuso’ il luogo del comizio con le grate antisommossa e i blindati, conta circa 300 uomini.

La tensione è sfociata poi in veri e propri scontri con  cariche di polizia contro i manifestanti antifascisti. Il bilancio finale è di tre feriti, tra questi, c’è anche un giornalista di Repubblica che avrebbe alcune dita fratturate.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Orbassano, 19enne investita da auto pirata viene fatta partorire d’urgenza: la neonata è grave

prev
Articolo Successivo

Orbassano, “la bimba è in condizioni gravi anche se ci sono miglioramenti”. Caccia al pirata che ha investito la madre

next