Restano molto gravi le condizioni di Sofia, la bimba nata ieri con un cesareo d’urgenza dopo l’investimento della madre all’ospedale Cto di Torino. “Anche se – racconta il primario di neonatologia dell’ospedale Sant’Anna dove è ricoverata – rispetto a giovedì ci sono due segni di miglioramento: ha aperto gli occhi e ha iniziato a succhiare“. Il primario ha inoltre aggiunto: “Per escludere il pericolo di vita bisogna aspettare ancora 3 o 4 giorni”. La madre è stata invece trasferita proprio all’ospedale Sant’Anna per stare vicina alla sua bambina. Mentre gli agenti della polizia municipale stanno ancora cercando di rintracciare l’automobilista che è fuggito.

“Si lotta minuto per minuto”
Il primario dell’ospedale Sant’Anna ha spiegato nel dettaglio: “Gli organi più colpiti sono stati il cervello, che stiamo cercando di salvare, il rene, il fegato e il polmone. Si lotta minuto per minuto: un’infermiera monitora la bimba 24 ore su 24 per riuscire a farle superare la gravissima sofferenza fetale che ha avuto. Al momento è in ipotermia, una terapia che dura 72 ore. Dopo verrà sottoposta a una tac”.  La madre era stata investita da un pirata della strada ad Orbassano (Torino). E il primario ha sottolineato: “Non è stato il trauma diretto ad aver leso il feto ma, in conseguenza al trauma subito dalla madre, è diminuito il sangue all’interno dell’utero e il feto ha avuto carenza di ossigeno“. Evidenziando infine che “la bimba è ancora viva grazie alla tempestività con cui si è agito”.

La madre ha riportato una frattura alla clavicola
La madre Elena, sinti 19enne, ha riportato una frattura alla clavicola ed un taglio al sopracciglio. “È stata sottoposta a una tac che verrà ripetuta tra 72 ore. Non ha riportato problemi neurologici, ma una frattura alla base del cranio e una alla clavicola che al momento non richiedono un intervento” ha spiegato Evelina Gollo, primario del reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Sant’Anna di Torino. Sant’Anna dove è stata trasferita la madre per stare vicina alla sua bimba. La donna “è vigile e cosciente, ma ancora sotto choc”, ha concluso il primario. Quanto alle indagini sull’omicidio stradale, gli agenti della polizia municipale stanno ancora cercando di rintracciare l’automobilista che, dopo aver investito la ragazza incinta, è fuggito.