Più di 1200 candidati alle prossime elezioni Amministrative e Regionali hanno firmato l’appello a prevenire e combattere mafie e corruzione lanciato dall’associazione Avviso Pubblico lo scorso 18 aprile. Nel farlo, hanno preso diversi impegni: lotta alle ecomafie, tutela dell’ambiente, educazione alla legalità, accesso civico degli atti, contrasto ad evasione, elusione e riciclaggio, prevenzione della corruzione, prevenzione del gioco d’azzardo, trasparenza dei finanziamenti della campagna elettorale e dell’attività politica, sostegno alle vittime del racket e dell’usura, riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie. Hanno inoltre sottoscritto un codice etico per amministratori.

Tra i firmatari, candidati provenienti da 12 regioni e circa 150 comuni (su più di 3.500 al voto il prossimo 26 maggio), soprattutto da Piemonte (tra cui Sergio Chiamparino), Lombardia, Toscana ed Emilia Romagna. Meno, invece, da Abruzzo, CampaniaLazio, Liguria, Marche, VenetoPuglia e Calabria. Solo un candidato firmatario da Roma capitale. Tra le città con il maggior numero di aderenti ci sono Avellino, Modena, Bergamo, Cremona, Ferrara.

Al termine dei cinque anni di mandato, Avviso Pubblico monitorerà se i candidati hanno rispettato gli impegni e presenterà loro il conto. “Noi seguiremo il loro percorso e coloro che hanno sottoscritto l’appello dovranno dimostrare di essersi almeno impegnati a portare avanti quelle proposte nei consigli comunali e regionali”, spiega Giulia Migneco, responsabile della comunicazione dell’associazione. Un vero e proprio feedback politico, insomma. Preso atto che, aggiunge Migneco, “una cosa è promettere una cosa, un’altra è mettersi d’impegno per realizzarla”. Quella di Avviso Pubblico vuole essere un cambio di paradigma in cui per combattere mafia e corruzione la repressione da sola non basta. Piuttosto, è fondamentale la prevenzione che passa, necessariamente, attraverso il controllo e la partecipazione della società civile.

A questo link la lista dei candidati firmatari dell’appello di Avviso Pubblico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni comunali Firenze 2019, c’è anche qualcosa di nuovo a sinistra

next
Articolo Successivo

Elezioni comunali Prato 2019, ho smesso di pensare a quanto prenderà Salvini e ho fatto politica

next