Il noto produttore di droni DJI ha annunciato di avere implementato la tecnologia AirSense, che aiuta gli operatori a vedere ed evitare aerei ed elicotteri. Progressivamente tutti i droni commerciali in produzione con peso superiore a 250 grammi saranno dotati di sensori ADS-B, gli stessi in uso da diverso tempo su molti aerei e torri di controllo.

Lo scopo della novità è risolvere uno dei maggiori problemi causati dai droni, ossia il rischio di collisioni con aerei ed elicotteri, che potrebbero avere conseguenze drammatiche. Quello che accadrà nel momento in cui la nuova dotazione sarà operativa è che i piloti dei droni potranno visualizzare il traffico aereo sui propri controller, così da poter mettere in atto manovre evasive per scongiurare il rischio collisioni. Il sistema attiverà un’apposita allerta.

 

Il vicepresidente di DJI, Brendan Schulman, ha sottolineato come “i sensori ADS-B sono stati sviluppati inizialmente per aerei ed elicotteri, ma sono già presenti su diversi droni”. Fra i vantaggi che offrono c’è una buona affidabilità, perché possono tracciare più velivoli allo stesso tempo su distanze anche superiori a 300 Km. Per gli stessi motivi, negli Stati Uniti e in Canada questi sensori dovranno obbligatoriamente essere installati su tutti gli aerei entro il 2020.

Da notare però che i droni avranno a bordo il ricevitore ma non il trasmettitore, il che significa che gli operatori potranno vedere aerei ed elicotteri, ma i piloti di questi ultimi non potranno vedere i droni. Da una parte questo carica chi è alla guida del drone di tutta la responsabilità di evitare collisioni, dall’altra evita che il sistema di tracciamento vada in tilt, considerato l’elevato numero di velivoli in circolazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nuovi notebook Acer Swift 3 e Nitro 5 con dotazione AMD in arrivo con prezzi da 499 euro

prev
Articolo Successivo

Samsung Smart Repair promette la sostituzione dello schermo dello smartphone a prezzi scontati

next