Uno dei principali motivi per cui i droni commerciali non possono sorvolare luoghi affollati è il rischio che cadano, danneggiando cose e persone. Per aggirare il problema, il produttore di droni DJI ha trovato una soluzione brillante. Ha adottato il paracadute balistico ad espulsione rapida Nexus di Indemnis, fatto apposta per assicurare un atterraggio “morbido” ai droni, anche in caso di guasti ai motori.

Indemnis è un’azienda con sede ad Anchorage, in Alaska, che è specializzata nella fabbricazione di paracadute per droni. Le sue soluzioni sono associate al concetto di maggiore sicurezza, anche nel caso in cui il drone abbia un’avaria ai motori. ‎Il Nexus, in particolare, è un prodotto dotato di sensori in grado di rilevare anomalie durante il volo e di azionare di conseguenza il lanciatore balistico.

In che cosa consiste un lanciatore balistico è molto semplice: è un tubo gonfiabile che tiene lontani il paracadute e i suoi cavi dai rotori del drone nella delicata fase di espulsione. Secondo Indemnis, lo scivolo si gonfia a una velocità di oltre 140 Km/h, impiegando appena 30 millisecondi per essere pronto. Di conseguenza ci sono buone ragioni per supporre che il paracadute si apra senza intoppi.

‎Proprio per ottenere la certificazione per l’utilizzo in luoghi affollati, il paracadute Nexus ha dovuto superare 45 test di funzionalità che hanno analizzato il funzionamento del sistema in cinque diversi scenari. Ora che l’Indemnis Nexus è integrato sul drone DJI Inspire 2 il produttore chiederà le autorizzazioni di volo delle autorità nazionali preposte (in Italia è l’ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), che è una condizione obbligata per sorvolare luoghi affollati.

Team Indemnis

 

DJI ha fatto sapere che entro la fine di quest’anno intende dotare dello stesso paracadute anche tutti i suoi droni delle serie Matrice 200 e 600.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xiaomi annuncia gli smartphone Redmi Note 7 e Note 7 Pro con fotocamera da 48 megapixel

prev
Articolo Successivo

Italia coordinatrice del progetto europeo per l’apprendimento autonomo dei robot

next