Un sistema corruttivo per rilasciare la cittadinanza italiana: sei persone arrestate19 indagate in tutto. Questo il risultato dell’operazione coordinata dalla Procura di Roma e condatta dagli investigatori della Polizia postale. Sono più di 1500 le pratiche di cittadinanza sospette. Per gli stranieri che avevano ottenuto lo status di cittadino pur non avendone i requisiti, sono già stati firmati i primi decreti di revoca da parte del Presidente della Repubblica. Al vertice dell’organizzazione criminale c’era una dipendente del Dipartimento libertà civili ed immigrazione del Ministero dell’Interno, condannata con rito abbreviato a 4 anni e 8 mesi di reclusione e alla confisca di 49mila euro.

La rete criminale utilizzava il sistema informatico Sicitt del Ministero dell’Interno per istruire le pratiche per concedere la cittadinanza. L’organizzazione riusciva a far ottenere la cittadinanza anche a soggetti con precedenti penali, mancanza di residenza o reddito insufficiente. La funzionaria del Dipartimento libertà civili ed immigrazione riusciva a recuperare illegalmente le password di accesso dei dirigenti del Dipartimento e agiva sul sistema informatico per aggiustare le procedure con irregolarità e concludere così l’iter per la concessione della cittadinanza. In cambio riceveva un compenso che variava a seconda del livello di problematiche da sanare, fino ad un costo superiore ai mille euro, che veniva ripartiti tra i membri del gruppo in base al ruolo ricoperto nell’associazione. Nel corso delle diverse attività di perquisizione sono stati sequestrati 135mila euro in contanti, guadagnati con la loro attività.

Tra i reati contestati a vario titolo ci sono associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, favoreggiamento, detenzione abusiva di codici di accesso a sistema informatico, accesso abusivo a sistema informatico. L’operazione muove dalla denuncia presentata dalla Direzione centrale per i diritti civili, del Dipartimento libertà civili ed immigrazione, dopo la scoperta di sospette anomalie informatiche. Complessivamente, oltre i 12 indagati attivi nel “sistema” ed il marito della dipendente del Viminale indagato per favoreggiamento, sono stati deferiti all’autorità giudiziaria altri 7 soggetti per corruzione, tra i quali un avvocato del Foro Romano.

Il sistema criminale era organizzato secondo un vero e proprio schema commerciale. Alla base c’erano i “procacciatori di clienti corruttori”, veri e propri “agenti di commercio“, tra i quali diversi italiani di origine egiziana e titolari di agenzie per il disbrigo di pratiche e servizi per cittadini stranieri. Queste persone facevano riferimento ai responsabili, cioè coloro che avevano contatti diretti e riservati con la dipendente del Ministero. Tra questi, in particolare, è stato arrestato un egiziano che aveva un negozio di frutta nel quale aveva sede la centrale operativa del gruppo, dove avveniva la raccolta delle “pratiche” e del denaro.

La riservatezza delle comunicazioni, soprattutto tra i responsabili dei procacciatori e l’operatrice del Dipartimento, era praticamente assoluta. Venivano utilizzati soltanto sistemi cifrati e telefoni usati esclusivamente per le attività illecite. Solo le intercettazioni ambientali hanno permesso di documentare il passaggio di denaro e di pratiche. Accertate, solo per il periodo al centro dell’indagine, più di cento pratiche irregolarmente istruite in pochi mesi e validate per il successivo inoltro al Presidente della Repubblica, pratiche per le quali è in corso di perfezionamento l’iter di revoca dello status giuridico di cittadino italiano. L’analisi del materiale informatico ha permesso di risalire ai “libri mastri” e all’individuazione di ulteriori migliaia di pratiche attualmente al vaglio dell’autorità giudiziaria e dei tecnici del Ministero dell’Interno, per la successiva istruttoria di revoca della cittadinanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riace, indagata candidata sindaco lista di Lucano per falso ideologico in concorso

prev
Articolo Successivo

Fisco, Max Biaggi assolto. Per il tribunale non c’è stata nessuna maxi-evasione

next