Una cittadina residente in zona San Siro a Milano è indagata per diffamazione dopo essersi rifiutata di togliere lo striscione con la frase “Salvini amico dei mafiosi, nemico dei poveri”. Il fascicolo è stato aperto da Alberto Nobili, responsabile dell’antiterrorismo, dopo che la Digos gli ha trasmesso gli atti relativi alla vicenda. Tre giorni fa, infatti, otto agenti avevano chiesto alla donna di togliere lo striscione, ma lei si era rifiutata dicendo che si tratta di un suo diritto esprimere la propria posizione. Come riportato dal Corriere della sera, al momento non c’è stata però la querela del vicepremier.

Negli ultimi giorni sono stati numerosi gli striscioni esposti dai cittadini alle finestre o sui balconi contro il leader del Carroccio. A scatenare la protesta, tra le varie cose, anche l’episodio del 13 maggio scorso a Brembate (Bergamo) quando per rimuovere un manifesto contro il leghista sono intervenuti i Vigili del fuoco con la gru. Oggi, in attesa dell’arrivo del ministro dell’Interno a Milano, sono tanti i lenzuoli apparsi per le strade della città: “Salvini odia, Milano ama”, “Solo ponti niente muri”, “I nostri balconi più alti dei tuoi muri”, “Meno Lega, più legami”, “dissenso e libertà e io rimango qua”, sono solo alcuni degli striscioni apparsi nelle ultime ore.

Le “balconiadi” hanno varcato anche i confini nazionali, con striscioni a Barcellona come “vieni fino a Spagna per toglierlo?”, in Germania (“da Brembate a Berlino rimani solo un burino”) e a Parigi (“me li mandi anche a Parigi i pompieri?”). Lenzuoli anche da parte di associazioni come Manitese, che sulla sua sede ha affisso la scritta “Voi chiudete i porti noi apriamo le menti’, e persino citazioni bibliche “Gesù ha detto: ama il tuo prossimo”. Per partecipare alle balconiadi in rete – dove le foto sono accompagnate dall’hashtag #Salvinitoglianche questi’ – c’è anche un vademecum per “dare il benvenuto a Salvini” a suon di lenzuoli appesi alle finestre.

Prosegue poi la caccia al tesoro ‘dove sono i 49?’, lanciata da sigle come Arci, Mediterranea, Insieme senza muri: in giro per la città sono stati appesi 49 striscioni, numerati da 1 a 49. La sfida è trovarli tutti prima di domenica. In palio “la splendida occasione di vincere un Pupazzo di Zorro” come quello che – scrive Chiara Giannini nel libro intervista “Io sono Matteo Salvini” – fu rubato al vicepremier all’asilo. Intanto su Twitter è stato lanciato l’hashtag #Salvinipuoimollare, lanciato in contrapposizione a #Salvininonmollare, che accompagna l’invito a partecipare alla manifestazione sovranista di sabato 18 maggio.